San Marino. Kevin:…..se questo è un uomo (Primo Levi)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

San Marino 07/10/19 Kevin:…..se questo è un uomo (Primo Levi)

Lunedì 7 ottobre, 13mo giorno dall’inizio della scuola e Kevin è ancora uno zombie che vaga da una classe e da un laboratorio agli altri spazi didattici, senza un PEI e senza una programmazione definitiva, controfirmata dalle parti in causa, compresa finalmente la famiglia. Kevin frequenta ogni giorno le lezioni al CFP anche se -a detta del “suo” tutor- mal tollerato perché pare ingestibile, confortata (sic!) in questa sua infelice esternazione da un plico di “cahiers de doléances”, mostrati in riunione congiunta e partecipata da CFP, Servizio Minori, Famiglia e R&D, nella sua veste di mediatore dei diritti umani e difensore civico, lunedì 30 settembre alle ore 10:30. Plichi di fogli, mostrati con un atteggiamento che è stato da R&D stigmatizzato a dovere, non accompagnati però da schede operative personalizzate che avrebbero permesso, come permetteranno a Kevin in futuro se futuro ci sarà, di essere proficuamente occupato -come prassi di integrazione attiva- più sul da farsi che non sull’ascolto di lezioni frontali per lui assolutamente fuori luogo perché non attenenti al suo percorso di apprendimento pratico-formativo che, per la regola della continuità didattica, dovrebbe svolgersi presso il Ranch Francischin, che è da settembre che lo attende. E’ corretto ricordare che nella suddetta riunione congiunta, il Direttore del CFP si è detta pronta ad accogliere Kevin per 25 ore (cioè per l’intera settimana suddividendo le attività cosi: tre giorni al Centro e due in stage esterno) e disposta ad affiancare alle 10 sole ore di matematica già fissate arbitrariamente ed inspiegabilmente dal Servizio Minori che le ha imposte, decurtandole rispetto a quelle già in essere gli scorsi anni formativi, e senza chiedere il parere della famiglia,…. anche italiano. La riunione ( di cui diremo in altra occasione) è terminata col chiedere di affrettare i tempi e di rendere esecutivo il nuovo programma fatto di ore ( che spettano al Servizio Minori per il quale impegno di rivisitazione, il Dirigente, che è anche Presidente della Commissione Tecnica, deve convocare la suddetta Commissione in via straordinaria e assegnare il compito di assistente educatore alla persona ritenuta idonea per le ore di stage) e di PEI (Piano Educativo Individualizzato) , che spetta invece alla scuola. Venerdì 4 finalmente è arrivato il tanto agognato piano orario che però ha messo in stato di inquietudine sia Kevin che la famiglia perché mancano le ore di italiano, sostituite da inglese e da ginnastica. Ci sarà una ragione a tutto questo, ma si fatica a comprenderla. Ci si dimentica inoltre che l’ultima parola spetta alla famiglia, e non vorremmo si agisse così per assegnare alla stessa, responsabilità che non le spettano davvero…. Di questo passo si arriverà alle vacanze natalizie, sembra anzi questo l’obiettivo, ma il comitato R&D, che chiede per Kevin rispetto e considerazione, è pronto ad andare nelle sedi nazionali ed internazionali opportune.

Il Comitato Rispetto & Dignità

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com