SAN MARINO. LA FLIA-CDLS RACCOGLIE LA SFIDA DELL’INNOVAZIONE RIVOLUZIONE DIGITALE, IL SINDACATO NON PUO’ FAR FINTA DI NULLA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Riceviamo e pubblichiamo

5 luglio 2019. “La sfida dell’innovazione tecnologica è iniziata. Nei prossimi anni il piano di investimenti europei nell’industria globale digitale è stimato attorno a 1.300 miliardi  e il sindacato non può far finta di nulla”. E’ da questa convinzione che il direttivo della Federazione Industria della CDLS ha messo a punto  un progetto di studio dedicato alla cosiddetta quarta rivoluzione industriale.

La sfida dell’innovazione – sottolinea Paride Neri, segretario FLIA-CDLS – bussa anche alle porte di San Marino e per questo il sindacato ha il dovere di non perdere tempo e connettersi con coraggio a questa gigantesca trasformazione che, come nel caso di tutte le innovazioni del passato, ha un impatto molto forte sul mondo del lavoro e sulla società”.

Il direttivo FLIA ha così delineato un percorso di esame e approfondimento dei principali fattori alla base dei profondi mutamenti economici e sociali in atto, che si concluderà entro il prossimo novembre. Uno studio strutturato su tre principali aree: lavoro, formazione e welfare.

 “Tre appuntamenti – conclude Paride Neri – il cui scopo è capire le opportunità e i rischi che l’automazione digitale introdotta su larga scala dall’Industria 4.0.  potrebbe comportare anche nel settore manifatturiero di San Marino con l’obiettivo di difendere e insieme attrezzare i lavoratori ad affrontare i cambiamenti dell’innovazione”.

 

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com