San Marino. La telefonata di Marino Grandoni con un certo … Nicola. L’intervento di Mariella Mularoni (PDCS) in Consiglio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Mariella Mularoni, Pdcs
Non posso non fare accenno sulle notizie di questi giorni sulla telefonata dell’ingegner Grandoni a un certo Nicola. Stupisce il tono colloquiale, con intercalari anche scurrili verso qualche membro di Bcsm. L’ingegnere dice ancora che qualche esponente di Bcsm sarebbe stata una garanzia e si denota uomo sicuro di sé e che sta tracciando la strada al suo interlocutore. Non sappiamo chi sia questo Nicola, auspichiamo si faccia chiarezza da parte della magistratura. Ma sappiamo bene chi è Marino Grandoni. Le sue sono dichiarazioni inaccettabili, nostro compito è fare chiarezza e cercare verità. Al Sds Renzi volevo chiedere se è questo il nuovo corso del govenon del cambiamento. Ci aspettiamo una presa di distanza da tutto questo.
Invito il Sds Podeschi a riflettere sul protocollo di intesa tra Federazione sammarinese gioco calcio e la scuola sammarinese, oggetto di un dibattito animato nell’ultimo collegio dei docenti. Si richiama alla legge sullo sport che disciplina l’attività sportiva in base la quale lo Stato promuove collaborazione tr scuola e comitato olimpico e stabilisce che scuola e Cons potranno sottoscrivere protocolli di intesa. Preciso che non sono contraria al protocollo, ma favorevole alla collaborazione tra scuola e Cons. Obiettivo del protocollo è il superamento delle criticità che possono emergere nel percorso scolastico per studenti-atleti e si prevedono percorsi di accompagnamento e supporto. E lo condivido. Ma chiedo perché la Segreteria per l’Istruzioene non abbia sottoscritto il protocollo con il Cons, ma solo con una federazione. Sono poi esclusi studenti che non frequentano scuole sammarinesi. E’ un protocollo discriminante che favorisce una sola federazione. Creamo atleti di seria A e di serie B. E’ un accordo che impedisce crescita e maturazione nei ragazzi perché non li responsabilizza. (…) Dire

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com