San Marino. Le 10 domande a cui il Segretario Marco Arzilli non vuole rispondere! Eccole di nuovo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Arzilli profugo cineseE’ palese, oramai, che il Segretario Arzilli non voglia rispondere alle nostre 10 domande. Per questo gli facciamo la cortesia di riproporle.

    RIPROPONIAMO ANCORA LE DIECI DOMANDE PERCHE’ IL SEGRETARIO INDUSTRIA DI SAN MARINO MARCO ARZILLI NON CI HA DATO ANCORA UNA RISPOSTA, PERALTRO DOVUTA DA CHI GESTISCE LE COSE DELLO STATO.

    ——

    Al Segretario di Stato Industria MARCO ARZILLI

    Le rivolgo le seguenti domande come giornalista e Direttore del sito d’informazione più letto nella Repubblica di San Marino, Giornale.sm.
    Le pongo tali domande per soddisfare il diritto all’informazione del popolo sammarinese e anche per dare una giusta risposta a quello che molti si domandano.
    Le domande che le porrò vengono spontanee a seguito di quanto detto dal Segretario alle Finanze della Repubblica di San Marino nel corso della conferenza stampa, indetta ieri a Palazzo Begni, sul tema DEBITORI MONOFASE – 188 MILIONI DI EURO DI CREDITI CHE LO STATO DI SAN MARINO VANTA NEI CONFRONTI DI ALMENO 1500 OPERATORI SAMMARINESI.

    A seguito della dichiarazione del Segretario delle Finanze Ing. Claudio Felici che afferma di non escludere che tra i debitori vi siano dei politici, e dai rumors che da anni girano sul conto della gioielleria Arzilli relativamente ai presunti debiti monofase che la stessa detiene nei confronti dello Stato da anni, sono a chiederle – essendo Lei un Ministro della Repubblica di San Marino – di potermi rispondere alle seguenti domande:

    1) E’ vero che lei o la sua attività di famiglia (Gioielleria Arzilli) ha debiti monofase ancora da onorare nei confronti dello Stato?
    2) Se fosse vero a quanto ammontano ad oggi?
    3) Può dire a tutti i sammarinesi (attraverso Giornale.sm) quanto è stato nel corso degli anni il debito monofase – qualora ci fosse stato – di tale operatore?
    4) Può dirci a quanto corrisponde il costo definitivo della sua ultima costruzione realizzata a Santa Mustiola?
    5) Può dirci a che prezzo al mq. è stata da lei pagata al precedente proprietario?
    6) La proposta di investimento a San Marino della cinese MAXDO Group Int.le è definitivamente tramontata?
    7) Ci sono altri ”colossi economici” che intendono investire in Repubblica?
    8) Dopo lo stanziamento di circa 5 milioni di euro (3 dall’Italia e 2 da San Marino) per il Parco Tecnologico, vi sono state delle spese per consulenza o altre spese decurtate da questo fondo? Se si quali?
    9) Può darci un bilancio della sua gestione? Ovvero quante imprese sono state revocate dal Congresso di Stato durante la sua gestione a Palazzo Mercuri?
    10) E’ al corrente che ci sono moltissime persone che giudicano il suo operato, come Segretario Industria, del tutto insufficiente? Lei come considera la sua ”gestione” al Dicastero Industria?

    Capisco che alcuni argomenti possono essere catalogati come privati, ma lei essendo un uomo ”pubblico” certo non avrà difficoltà ad informare la pubblica opinione su tali argomenti.

    In attesa delle sue risposte che saranno pubblicate sul sito ”Giornale.sm”, voglia gradire

    Distinti saluti
    Marco Severini – Direttore del Giornale.sm