San Marino. Lettera firmata. Perchè non fanno vedere chi sono i morosi della monofase? Ci sono dentro anche loro?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • soldi-500-euroHo paura che i governanti, non vogliano sentirci a proposito del suggerimento dato il mese scorso dai consulenti del fondo mondiale, su come risanare il bilancio dello Stato. Penso di aver capito, a riguardo dei suggerimenti, che lo Stato dovrebbe per prima cosa diminuire le spese parastatali a cominciare dai doppi incarichi (convenzioni capestro a tutti i livelli vedi ad esempio le riparazioni del- le macchine statali).

    Si potrebbe facilmente tagliare la spesa pubblica anche tassando con gradualità, le pensioni sopra ai 2.000 euro. Questi pensionati, potrebbero dire che loro hanno già pagato per la pensione che stanno percependo, ma questo sappiamo essere vero solo per i primi 8 anni, infatti dopo questo periodo vengono usati i soldi della collettività con la differenza, non da poco, che queste pensioni sono ancora lautamente alte.

    Un altro risparmio può essere quello di inserire un piccolo tichet sugli esami sanitari e sulle ricette. Non mi pare giusto, poi, che dopo che i nostri politici hanno permesso il saccheggio del territorio, concedendo licenze di favore, sblocchi di terreni (tramite un piano regolatore capestro che anche se non sufficientemente distruttivo ha permesso all’ufficio urbanistica, in deroga alle leggi esistenti, di completare lo scempio) e agevolazioni varie, ora si ‘vedono costretti’ a tassare indiscriminatamente come se fossimo tutti uguali, quando invece certuni si sono trovati immobili di valore senza difficoltà e magari senza nemmeno mettere fuori un euro.

    Si pensi anche alla troppa benevolenza dei nostri governanti che hanno permesso che non si riscuotessero i 156 milioni di monofase. Ora, almeno, non sarebbe carino sapere chi sono questi morosi, e il perché hanno potuto ottenere tutto questo.

    Ma è proprio vero che i nostri governanti non si rendono conto che così facendo (senza scelte serie di tassazione specie sulle rendite) stanno rovinando il Paese? Mi viene il sospetto che a palazzo non vogliano andare a toccare questi privilegi perché sono anche i loro.

    Cosi facendo, ancora una volta, si mantengono disuguaglianze e favoritismi che non è più il tempo di perseguire, perché prima o poi il cittadino onesto che non ha mai preteso privilegi e ha sempre lavorato a testa bassa , si stancherà, e allora forse sarà troppo tardi”. Lettera firmata – San Marino Oggi