San Marino. L’ex Segretario Simone Celli denuncia per diffamazione Federico D’Addario: ”controllate tutti i miei averi!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Ex Segretario di Stato Simone Celli

    “Sono infatti totalmente false e prive di ogni fondamento le affermazioni pronunciate dal sig. D’Addario sotto giuramento, che mi riguardano personalmente.

    A tal proposito diffido chicchessia a riprendere e rilanciare tale falsità in quanto, in caso contrario, mi troverò costretto ad intraprendere le più opportune azioni legali a tutela dell’onorabilità della mia persona, cosa peraltro su cui sto già effettuando approfondite valutazioni con il mio legale di fiducia.

    Rappresento inoltre di aver chiesto formalmente alla Commissione di Inchiesta di intraprendere, con il supporto delle preposte autorità sammarinesi (magistratura, Clo e Aif) e attivando le necessarie forme di cooperazione con le giurisdizioni estere, una verifica dettagliata finalizzata al preciso accertamento delle disponibilità di beni immobili e mobili, nonché di soldi, da me o dai miei famigliari detenute in territorio sammarinese e/o fuori confine.

    Dopo aver avanzato suddetta richiesta nel pieno rispetto della segretezza a cui era ed è vincolata la Commissione di Inchiesta, ora ritengo doveroso reiterarla pubblicamente in questa occasione per porre fine alla estenuante ed infamante campagna diffamatoria a cui sono sottoposto da alcuni anni, dimostrando una volta per tutte che nel corso della mia attività politica ne io ne i miei famigliari abbiamo ricevuto denaro o benefici di altro genere.

    Come uomo delle istituzioni posso aver commesso errori e assunto decisioni sbagliate in termini politici, ma mai e poi mai ho perseguito il mio interesse privato e, senza entrare nello specifico, le mie attuali condizioni personali sono la prova inconfutabile di quanto sostengo”

    Simone Celli