San Marino. MAURIZIO GOBBI LEGGE IL XIII DELL’INFERNO AL MESE DANTESCO 2019

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Pier delle Vigne, l’invidia e il suicidio

Si terrà questo giovedì alle ore 21 presso la Sala Conferenze Cassa di Risparmio al primo piano del Palazzo della Mutuo Soccorso (Via Giovan Battista Belluzzi 1 in Città) il secondo appuntamento del Mese Dantesco 2019, giunto alla sua tredicesima edizione.

Il prof. Maurizio Gobbi, già docente di Storia e Filosofia presso la Scuola Secondaria Superiore e grande cultore di Dante, si cimenterà, come ogni anno, nella lettura e nel commento di un canto della “Commedia”. Quest’anno tocca al canto XIII dell'”Inferno”, uno fra i più suggestivi e amati di tutta l’opera.

Protagonista della serata sarà quindi Pier delle Vigne, poeta siciliano e consigliere dell’imperatore Federico II, personaggio che entra di diritto nel pantheon delle grandi figure della prima cantica. Nelle indimenticabili terzine dedicate ai peccatori macchiatisi di violenza contro se stessi (suicidi e scialacquatori), si susseguono scene macabre e dense di pathos, fra corpi regrediti allo stato vegetale (“Uomini fummo, e or sem fatti sterpi“), abominevoli creature tratte dalla mitologia classica (“Quivi le brutte Arpie lor nidi fanno, / che cacciar de le Strofade i Troiani / con tristo annunzio di futuro danno“) e storie – imparentate con la Storia – scritte con lacrime e sangue.

L’orrore denunciato da Pier delle Vigne e da Dante, che come il malaugurato cortigiano fu animato da un grande spirito civico e contemporaneamente vittima delle malelingue, è la “meretrice” dagli “occhi putti“, ovvero l’invidia, la quale, insieme alla cupidigia e alla lussuria, è la causa di tutti i mali che infestano il mondo e l’Italia del Trecento.

Alla fine delle chiose e delle notazioni storiche e letterarie, che, come sempre, saranno approfondite e puntuali, Gobbi reciterà interamente a memoria i 151 versi del canto. L’ennesima occasione per riscoprire l’immortale poesia di Dante, che ancora oggi ci interroga sul senso dell’agire politico e indaga gli abissi dell’animo umano che “ingiusto fa sé contra sé giusto“.

La Società Dante Alighieri di San Marino invita i soci e i cittadini tutti a presenziare numerosi a questo secondo incontro del Mese Dantesco.

 

Ufficio Stampa

www.dantealighierirsm.org

info@dantealighierirsm.org

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com