San Marino. Md: “Vorremmo conoscere se negli anni  Banca Cis abbia operato nel rispetto delle leggi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Comunichiamo la nostra partecipazione  alla riunione di domani 8 Maggio  del Comitato Credito e Risparmio, organismo composto da 4 segretari di stato e la governance di Banca Centrale, in questo caso specifico allargato anche alla partecipazione di tutte le  forze politiche di opposizione.

La nostra presenza in tale consesso è legata esclusivamente al senso di responsabilità istituzionale e all’ obiettivo di reperire utili informazioni da Banca Centrale in merito allo stato di salute di Banca Cis, in quanto la nostra forza politica non considera i membri del governo all’ interno del Ccr come possibili interlocutori.

Rileviamo come ad oggi non si sia provveduto a  depositare il decreto legge su Banca Cis  in tempi utili per la discussione in aula consigliare e pertanto non ci sia stata  alcuna possibilità di  confronto sul provvedimento.

Riteniamo essenziale che in tale decreto debba essere scritto nero su bianco che la proprietà e gli amministratori debbano ripianare le perdite della banca con capitali propri,  pena l’ estromissione  dalla proprietà della Banca. Non possono essere i cittadini a dover coprire le perdite di soggetti privati.  Il decreto dovrà tutelare i dipendenti,  i correntisti sammarinesi  e gli oltre 100 milioni di fondi pensione che sono assolutamente da preservare.

Vorremmo inoltre conoscere se negli anni  Banca Cis abbia operato nel rispetto delle leggi e se chi era deputato a controllare sia stato messo nelle condizioni per farlo.

 

Movimento Democratico San Marino Insieme

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com