San Marino. Negoziati con l’UE: all’esame dell’esecutivo le schede elaborate dalla Direzione Affari Europei preparatorie ai negoziati con l’UE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • valentiniIl Congresso di Stato ha iniziato oggi l’esame delle cinque schede frutto del lavoro del Gruppo Tecnico istituito in preparazione del negoziato con l’UE in collaborazione con il prof. Roberto Baratta e curate dalla Direzione Affari Europei.

    Le schede riguardano la prima i profili istituzionali dell’Accordo di associazione, le altre le cosiddette quattro libertà fondamentali, ovvero: la libera circolazione dei capitali e dei pagamenti, la libera circolazione delle persone, la libera prestazione dei servizi e libertà di stabilimento, la libera circolazione delle merci.

    “Adesso – ha commentato il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Pasquale Valentini – è necessario che il Governo individui le priorità e le linee rosse rispetto all’acquis dell’Unione, ancor prima che venga emesso il mandato. In tal modo potrà informalmente e preventivamente informare la Commissione sugli interessi della Repubblica e tentare di influire sul contenuto del mandato stesso. Inoltre – ha proseguito Valentini – è opportuno individuare in tempo utile eventuali tematiche al di fuori delle quattro libertà fondamentali da inserire nell’ambito delle trattative”.

    “Il lavoro – assicura Valentini a nome dell’Esecutivo –proseguirà il più celermente possibile con le forze politiche sia di maggioranza che di opposizione e, come è già avvenuto in precedenza, il confronto sarà esteso alle categorie economiche e sociali che fanno parte del Tavolo per lo sviluppo.

    Tutto questo al fine di giungere all’adozione di un documento definitivo che possa costituire la base del negoziato stesso”.