SAN MARINO. Nuovo accordo d’interscambio di beni con l’Italia che introduce la fatturazione elettronica dal 1 ottobre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  •  

    Richiamo  sui cambiamenti operativi e procedurali di presentazione delle fatture  ricevute in formato elettronico

    A tutti gli operatori economici e soggetti interessati 

    Il Dipartimento Finanze e Bilancio con la presente intende richiamare fortemente  l’attenzione e sensibilizzare gli operatori economici, le Associazioni di  categorie e tutti i soggetti professionali sulla seguenti circostanze riguardanti l’oggetto: 

    – il nuovo accordo d’interscambio di beni con l’Italia, che modifica il precedente accordo  del 1993 di cui alla Legge n. 134/1993, sarà operativo ed entrerà in vigore il prossimo  1 ottobre 2021; 

    – dal 1 ottobre 2021 e fino al 30 giugno 2022 gli operatori economici sammarinesi e gli  operatori economici italiani possono emettere (ed altresì ricevere) le fatture in formato  elettronico, in luogo di quelle cartacee; 

    – dal 1 luglio 2022, invece, si passerà al regime definitivo, che prevede l’obbligo di  emissione o ricezione delle fatture in formato elettronico, in luogo della cartacea, fatte  ovviamente salve le deroghe di legge espressamente previste rispettivamente dall’  Italia e da San Marino. 

    Si evidenzia pertanto che già dal 1 ottobre 2021, lato operatore economico  sammarinese, vi saranno dei cambiamenti operativi e procedurali come segue:  – se un operatore/fornitore italiano opta per l’emissione della fattura in formato  elettronico, la modalità di presentazione all’Ufficio Tributario da parte del cessionario  sammarinese della predetta fattura E’ ESCLUSIVAMENTE IN MODALITA’ FORMATO  ELETTRONICO, secondo le modalità e procedure illustrate nei manuali tecnici pubblicati  sul sito della Segreteria finanze e bilancio e reperibili al link http://www.finanze.sm/on line/home/aree-tematiche/fatturazione-elettronica.html

    Per quanto precede si evidenzia e sottolinea che, il periodo transitorio fino al 30 giugno  2022, riguarda in sostanza solo l’emissione delle fatture attive verso i cessionari  italiani, mentre sul versante degli acquisti dall’Italia, se il fornitore italiano opta per l’emissione delle fatture in formato elettronico, le nuove modalità operative di  presentazione, di liquidazione dell’imposta sulle importazioni e di lavorazione delle  stesse è già operativa dal 1 ottobre 2021 , secondo le modalità illustrate nei su citati  manuali tecnici. 

    Stante tutto quanto sopra esposto si raccomanda agli operatori economici di  attivarsi prontamente con i propri programmatori o referenti informatici  (software house) per porre in essere le necessarie implementazioni ed  adeguamenti informatici necessari dal 1 ottobre 2021, in particolare sul  versante delle importazioni. 

     

    IL DIRETTORE 

    – Dott.ssa Ida Valli –