SAN MARINO. Nuovo gruppo di lavoro dedicato al comparto agricolo: dichiarazioni del Consorzio Terra di San Marino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  •  

    Il Consorzio Terra di San Marino, consorzio di promozione e valorizzazione
    delle produzioni agroalimentari del territorio e punto di riferimento per il comparto
    agricolo, apprende con sorpresa la costituzione all’interno dell’OSLA del nuovo
    gruppo di lavoro dedicato al comparto agricolo al quale formula i migliori auspici
    nell’interesse di tutti gli operatori del settore.
    Siamo tutti tenuti ad impegnarci per far conoscere e riconoscere la vitale
    importanza che l’agricoltura riveste per tutti ed il sempre più determinante ruolo del
    settore primario in ambito economico, specie nell’era globale ed in un periodo di
    pandemia. Impegno che il Consorzio Terra di San Marino porta avanti con
    determinazione, competenza e vero spirito di servizio sin dal 2003, anno della sua
    costituzione.
    Siamo altresì certi che la valorizzazione delle produzioni agroalimentari del
    territorio e gli auspicati miglioramenti qualitativi e quantitativi delle stesse debbano
    essere conseguiti nel rispetto dell’ambiente e della qualità della vita, infatti il
    progetto Bio, ora realtà in continua crescita, è stato fortemente voluto dal Consorzio
    Terra di San Marino ed è nato per volontà del Consorzio stesso con il supporto delle
    Istituzioni.
    Proseguire su questa strada e raggiungere obiettivi di generale interesse
    economico e sociale, rimarrà sempre però più difficile se il mondo agricolo non
    dimostrerà in primo luogo di saper lavorare insieme e superare con coraggio gli
    improvvidi personalismi.
    Il Consorzio Terra di San Marino, pur apprendendo solo dai media la notizia
    della costituzione del gruppo di lavoro, continua e continuerà a mettere a
    disposizione della collettività, degli organismi ed associazioni la propria opera
    istituzionale di tutela, valorizzazione e promozione del comparto, aperto al dialogo,
    al confronto nella consapevolezza che qualsiasi diversificazione, appare meno
    rilevante, rispetto alla evidente necessità della forza dell’unione.