San Marino. PDCS. Riunita ieri la Direzione.

  • Le proposte di Reggini Auto

  • marcogattiIeri, martedì 18 marzo, nel pomeriggio, si è incontrata la Direzione del PDCS.

    Il Segretario ha riferito sui recenti incontri intercorsi con le delegazioni dei Partiti della Coalizione, dei Partiti di opposizione, e della CSU sulla mozione finale del XIX Congresso generale del PDCS, confermando l’assoluto rilievo che esso ha avuto sul panorama politico sammarinese.

    Il Segretario ha comunicato alla Direzione il buon esito delle prime serate di tesseramento delle Sezioni del Partito, segnalando la partecipazione di nuovi aderenti al PDCS.

    E’ stato fatto anche un breve riferimento sul recente incontro con i Segretari di Sezione per valutare la situazione delle Giunte di Castello ed i possibili sviluppi in vista delle prossime consultazioni elettorali novembre.

    Dopo aver preso in esame la proposta del comitato referendario di unificare la consultazione referendaria alle elezioni delle Giunte di Castello, la Direzione ha espresso parere contrario, considerandola una mera azione politica per distogliere l’attenzione dal contenuto dei quesiti referendari che, così come presentati non otterrebbero il supporto della cittadinanza.

    La Direzione del PDCS ritiene la legge sulla libera professione medica un’importante obiettivo raggiunto dalla Segreteria per la Sanità, e la considera una reale opportunità per il nostro Paese, pertanto valuta opportuno confrontarsi apertamente ed al più presto con la cittadinanza su questo tema, senza creare confusioni in merito.

    La Direzione ha preso in considerazione il recente attacco rivolto alla Democrazia Cristiana palesato, in questi giorni, su una testata giornalistica locale che, oltre a dare una visione distorta dell’azione politica del Partito, “favoleggia” su problematiche presenti all’interno del PDCS, falsificando completamente la realtà. Un attacco che pare costruito “ad hoc” proprio da chi, invece, necessita di distogliere l’attenzione della cittadinanza da proprie questioni personali, forse legate a vicende giudiziarie recentemente emerse di fronte all’opinione pubblica.

    In relazione all’azione del Governo, riguardante la politica estera ed il percorso di integrazione europea, la Direzione ha confermato la propria stima e fiducia nell’operato del Segretario Valentini, nuovamente preso di mira con accuse infondate perché i risultati raggiunti sono innegabili e, in particolare, la possibilità che sia aperta una nuova forma di associazione con l’UE è un’opportunità, nel contempo una sfida, a cui deve seguire una mobilitazione generale e, per l’importanza che può rappresentare per lo sviluppo di San Marino non può che essere un obiettivo prioritario dell’intera Coalizione.

    Considerando la notevole quantità di tematiche da trattare e valutare, la Direzione ha concordato di vedersi con scadenza settimanale, a partire dal prossimo 26 marzo.

     

    L’Ufficio Stampa del PDCS