San Marino. Produzione cannabis per uso terapeutico, in arrivo la legge.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • A realizzare la bozza di decreto che fissera? i paletti sara? una commissione presieduta dal neo dirigente dell’Authority sanitaria Gabriele Rinaldi.

    Il governo ha dato al gruppo fino al 6 aprile.

    Entro una ventina di giorni sara? pronta una bozza di Decreto Delegato per la regolamentazione della produzione in territorio di cannabis ad uso terapeutico. A realizzarla, “entro 30 giorni”, sara? un gruppo di lavoro, appositamente costituito dal governo lo scorso 6 marzo, composto dal neo direttore dell’Authority Sanitaria, Gabriele Rinaldi, che la presiede, dal direttore generale dell’Iss Andrea Gualtieri, dal direttore del dipartimento Affari Esteri Roberta Valli e dal direttore del dipartimento Affari Interni e Giustizia Catia Crescentini.

    Il gruppo, come ha riportato il Congresso di Stato nella delibera, nella bozza dovra? regolamentare anche la produzione dei farmaci a base di cannabis, nonche? la loro distribuzione e utilizzo clinico.

    Non solo, ma dovra? anche “definire un percorso diagnostico-terapeutico per i pazienti che utilizzeranno dette sostanze”. L’iniziativa del nuovo governo segue quella del precedente che poco meno di un anno fa ha creato un’altra commissione analoga per dare attuazione all’istanza d’Arengo “per la legalizzazione delle sostanze psicotrope per uso terapeutico”.

    La commissione si chiamava “Commissione per lo studio dei provvedimenti per la produzione delle sostanze psicotrope per uso terapeutico” ed era coordinata dal dott. Gualtieri, all’epoca capo dell’Authority che a Tribuna spiego?, alla fine di luglio, come siano gli uffici europei dell’Onu che hanno sede a Vienna che dovranno autorizzare o meno in ultima istanza il Titano alla coltivazione e produzione di cannabis per uso terapeutico. “Il compito principale dell’Onu – spiego? Gualtieri – e? verificare che non ci sia traffico di stupefacenti. Dovremo dimostrare che teniamo tutto sotto controllo, che siamo attenti nel controllare
    le entrare e le uscite di cannabis, cosa che – ricordo? – facciamo gia?, perche? attualmente importiamo gia? i prodotti stupefacenti, come, ad esempio, gli oppiacei”. Una volta ottenuto l’ok, Gualtieri preannuncio? “interessanti introiti per le casse dello Stato” ricavati dalla vendita della cannabis.

    Davide Giardi, La Tribuna