San Marino. Prosegue il monitoraggio sulla qualità dei servizi percepita dagli utenti. Inizia la collaborazione con 5 stagisti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Schermata 2013-06-25 alle 22.33.24Prosegue il monitoraggio sulla qualità dei servizi percepita dagli utenti. Un progetto avviato dal Dipartimento Affari Istituzionali e Giustizia in applicazione della Legge 188/2011, nell’ambito di un pacchetto di provvedimenti volti a migliorare l’azione amministrativa.

    L’indagine, partita a maggio in via sperimentale in quattro uffici a intensa attività di sportello: Stato Civile, Catasto, Industria, artigianato e commercio, Registro Automezzi, avrà da domani nuovo impulso grazie alla collaborazione di cinque studenti, che partecipano agli stage formativi gestiti dall’Ufficio Diritto allo Studio.

    I ragazzi, supporteranno gli operatori delle varie unità operative, intervistando  direttamente il pubblico, così da incentivare le risposte e aumentare l’ampiezza del campione intervistato. Cercheranno quindi di sensibilizzare gli utenti affinchè esprimano le loro valutazioni sui servizi ricevuti, contribuendo al conseguente processo di qualificazione della pubblica amministrazione.

    I cinque stagisti si alterneranno in periodi diversi fino ad Agosto. Il loro coordinamento è affidato al Servizio di Comunicazione Istituzionale del Dipartimento Affari Istituzionali e Giustizia.

    Dopo un primo periodo dedicato alla rilevazione, gli studenti si occuperanno della imputazione dei dati in un apposito programma per la definitiva elaborazione degli esiti. Le risultanze saranno infine messe a disposizione dei Dirigenti delle Unità monitorate per la presa d’atto del grado di soddisfazione degli utenti rispetto ai diversi aspetti relativi alla erogazione dei servizi.

    Il monitoraggio è quindi uno degli strumenti utili nel percorso di ottimizzazione dell’azione amministrativa orientata al cittadino/utente. Consente infatti di mettere in campo progetti di qualificazione mirati e pertinenti alle aree critiche rilevate dai diretti interessati.