San Marino. Renzi: “Alimentare il clima di sospetto sulla Giustizia fa male al Paese”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
“Alimentare il clima di sospetto sulla Giustizia fa male al Paese.
Chi vuole che il Tribunale non funzioni lo dica apertamente”

Il Segretario Renzi invita le opposizioni a rivolgersi alla Magistratura per accertare la verità

Il dibattito sulla Giustizia si è trasformato oramai in una sequela interminabile di illazioni e polemiche che nulla hanno a che fare con la ricerca onesta della verità e dell’interesse del tanto sbandierato “bene comune”.

Il Segretario di Stato alla Giustizia si chiede chi e perché mira a portare il Tribunale in una condizione di stallo, evitando che possa operare nel pieno delle sue facoltà e in un clima di necessaria serenità.

“E’ oramai evidente a tutti – dichiara – che chi si muove sul terreno delle insinuazioni o peggio ancora della calunnia, si stia trasformando, magari anche inconsciamente, in portatore di un fine recondito e di interessi non manifesti. A questi signori – aggiunge il Segretario Renzi – rivolgo un acceso invito perché dimostrino di voler veramente accertare la verità e si rivolgano all’unico potere dello Stato titolato per farlo: la Magistratura. Chiedano al Tribunale di fare chiarezza e dimostrino piena fiducia in tutti i Magistrati della Repubblica”.

Il Segretario alla Giustizia ribadisce il rispetto delle procedure previste per la nomina del nuovo Magistrato Dirigente, e ricorda che l’allora Coordinatore f.f. nominato dal Consiglio Giudiziario Plenario, aveva suggerito nella lettera dallo stesso inviata alla Reggenza, di esplorare tra i Giudici superiori o comunque in ambito Istituzionale eventuali disponibilità ad assumere il ruolo di Magistrato Dirigente. Di seguito furono gli stessi Giudici Superiori interpellati a suggerire di rivolgersi al Collegio Garante per individuare il sostituto del Prof. Ferroni, prematuramente scomparso, dopo aver informato la Reggenza.

Il Prof. Guzzetta, inoltre, è un giurista di chiara fama che da 7 anni fa parte del Collegio Garante, scelto per il nuovo incarico non solo per la sua autorevolezza, ma anche in osservanza al criterio di anzianità di rappresentanza fra i saggi del Collegio Garante.

“Ci svelino – continua Renzi – le vere e inconfessate ragioni di questa ostilità e di questa campagna denigratoria, che ora si spinge addirittura ad insinuare evanescenti e scomodi rapporti con alcuni soggetti. Oltre a ledere l’onorabilità di un prestigioso giurista, queste fantasie provocano danno e discredito all’intero Paese, oltre a compromettere la funzionalità dell’intero Tribunale”.

Fino ad ora nessuno degli accesi oppositori al nuovo Magistrato Dirigente, ha sentito il bisogno di incontrare il Prof. Guzzetta e neppure di contestare la sua nomina di fronte al Consiglio Giudiziario Plenario. “Forse – conclude il Segretario di Stato – se sono davvero convinti delle irregolarità che sbandierano, è ora che lo facciano.”

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com