San Marino. Serie B: primo hurrà casalingo per l’Academy

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


Non furono parole gettate al vento, quelle che pronunciò Alain Conte in occasione della pausa delle Nazionali che ha frammentato l’inizio di stagione: “dalla terza giornata comincerà per noi un nuovo campionato” – disse al tempo, pur reduce da due ottimi pareggi ottenuti con Lazio e Napoli -.

Effettivamente i meccanismi tattici sembrano decisamente più oliati oggi, sostenuti anche da una condizione fisica più che buona: insomma, la San Marino Academy ha recuperato il terreno perso in estate ed oggi è una formazione ancor più consapevole dei proprio mezzi e pronta a battagliare con tutte le avversarie che la Serie B le offre.

Ad Acquaviva matura così la seconda vittoria consecutiva in campionato, la prima tra le mura amiche dove c’è ancora il rimpianto per come è arrivata l’unica sconfitta stagionale col Cittadella. La risposta odierna è stata da grande squadra: un collettivo che si è reso protagonista di avvio bruciante e che Conte ha disegnato con un asse centrale di grande fisicità. Dal primo minuto c’è spazio per Costantini al fianco di Brambilla, mentre Di Luzio è promossa titolare insieme a Barbieri – affiancate sui lati da Baldini e Menin -.

Ed è proprio il capitano della San Marino Academy a sbloccare il punteggio dopo meno di un minuto di gioco, sfruttando la discesa sulla corsia di destra ed il chirurgico assist di Greta Di Luzio per girare alle spalle di Bonassi il punto dell’1-0. Avvio bruciante al quale il Vittorio Veneto – arrivato a San Marino coi gradi della capolista – sa trovare subito rimedio, levando le braccia al cielo per celebrare la parabola perfetta di Caccamo, abile nello scavalcare Ciccioli con un mancino da dentro l’area di rigore.

Nei primi minuti la sfida è a dir poco avvincente, con continui cambi di lato ed occasioni su tutti i fronti: al 12’ è Foltran a sfiorare il montante con un destro radente, mentre Brambilla trova i guantoni di Bonassi a disinnescare il suo tentativo dal limite. Più distante il punto di battuta di Costantini, che non inquadra lo specchio della porta poco dopo il quarto d’ora di gioco. Preludio all’occasione per Raffaelle Barbieri, che galleggia tra le maglie verdi avversarie per liberare un destro dal cuore dell’are che Bonassi allunga in corner.

Il Vittorio Veneto batte un colpo poco prima della mezz’ora, ma Ciccioli non ha difficoltà a bloccare il tentativo di Domi. Ben più pericolose le padrone di casa che alla mezz’ora si fanno vedere con Barbieri, cui difetta la mira col destro, e soprattutto Baldini. L’ennesimo pallone rubato da Brambilla viene trasformato in oro dalla stessa centrocampista lombarda che manda in porta la compagna: come a Ravenna però Baldini difetta in freddezza, trovando la risposta salva risultato di Bonassi.

Fortunatamente, come allo Sbrighi, si tratterà di un errore che non peserà sul risultato finale. Già, perché la San Marino Academy parte in quarta anche nella ripresa, trovando dopo meno di due minuti il meraviglioso gol che vale il secondo vantaggio: pezzo di bravura di Barbieri, che con un controllo a seguire si ritaglia lo spazio per esplodere una bordata di destro terminata all’incrocio dei pali.

Questa volta la San Marino Academy non concede nulla ai tentativi avversari, passando dalle impeccabili chiusure di Micciarelli e Montalti, nonché protetta dal frangiflutti Brambilla-Costantini davanti alla difesa. Il tutto senza rinunciare a costruire gioco: al 69’ proteste biancoazzurre per l’atterramento in area di Barbieri, che a distanza di un minuto mette tutti d’accordo siglando in gran stile la rete del 3-1. Liberata davanti al portiere da un rimpallo, l’attaccante piemontese aggira l’uscita di Bonassi con un sombrero per poi depositare in fondo al sacco col destro.

Tripudio sammarinese sugli spalti, con la Permac che fatica a trovare tempi e modi per rimettersi in carreggiata. È l’Academy a farsi preferire e la combinazione che coinvolge Principi, Baldini e Barbieri all’83’ non si chiude per una questione di centimetri, pur strappando applausi a scena aperta. Buonissime notizie arrivano anche dalla panchina, da dove inizia la partita di De Sanctis, Piergallini, Principi e Rigaglia. Proprio queste ultime confezionano le ultime opportunità della sfida, con l’ex Ravenna a disegnare una traiettoria da corner perfetta per l’incornata di Rigaglia, che non trova la porta. Situazione che a parti invertite schiude al poker sammarinese: splendido il traversone della siciliana, che arma la conclusione volante di Principi alla sua prima gioia in maglia San Marino Academy. All’ultimo minuto c’è poi spazio anche per la soluzione personale di Rigaglia, innescata da De Sanctis e vicina al quinto gol con un destro terminato sull’esterno della rete.

Seconda vittoria consecutiva in campionato per la San Marino Academy, che regala il primo dispiacere alla Permac – scavalcata in classifica dal Napoli capolista e dalla Riozzese -. Al quarto posto proprio le Biancoazzurre di Conte, a pari punti con Lazio e Novese. 

pastedGraphic.png

Serie B, 5. giornata | San Marino Academy-Permac Vittorio Veneto 4-1

SAN MARINO ACADEMY [4-2-3-1]

Ciccioli; Micciarelli, Montalti, Venturini, Piazza (dal 72’ De Sanctis); Brambilla, Costantini (dal 79’ Piergallini); Menin (dal 46’ Rigaglia), Di Luzio (dal 67’ Principi), Baldini; Barbieri

A disposizione: Montanari, Deidda, Rossi, Bianchi

Allenatore: Alain Conte

VITTORIO VENETO [4-4-2]

Bonassi: Furlan (dal 58’ De Martin), Martinelli, Frizza, Mantoani; Domi (dal 46’ Tomasi), Tommasella, Stefanello (dall’84’ Sovilla), Foltran; Piai, Caccamo (dal 72’ Mella)

A disposizione: Zannoni, Cimarosti, Zilli

Allenatore: Diego Bortoluzzi

Arbitro: Ilaria Bianchini di Terni

Assistenti: Luca Chiavaroli di Pescara e Diletta Roccaforte di Perugia

Marcatori: 1’ Menin, 5’ Caccamo, 47’, 70’ Barbieri, 90’+1’ Principi

Ammoniti: Foltran

pastedGraphic.png

FSGC | Ufficio Stampa

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com