San Marino. ”Sono il quarto evasore di monofase, ma non devo dare alcunché!”. La lettera in re

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • soldiEgregio Direttore, le rubo solo un po di tempo per parlare di monofase, le dico subito che se non vuole prendere in considerazione la mia lettera non ne avrò a male in quanto posso capire che lei potrebbe pensare che le mie parole siano scritte con secondi fini o con motivazioni particolari.
    Io sono il quarto evasore di monofase di San Marino, e puo sorridere a questa mia frase, lo ho scoperto solo 5 giorni fa mettendo il nome della ditta che avevo a san marino alcuni anni fa.
    Io ero amministratore della Axel Chemicals sono stato inquisito dal Tribunale di Milano in una lunga storia dove non ho mai negato le mie responsabilita.
    Ma ed esiste un ma non ho mai frodato la monofase di San Marino tanto meno per le cifre di cui si parla e la cosa e facilmente capibile.
    La mia societa ha fatturato 15 o 16 milioni di euro sinceramente non lo ricordo, la merce è entrata a San Marino e poi e tornata subito in Italia. Ponga un utile del 4 per cento e sono circa 600 o 700 mila euro su questo l’aliquota della monofase era mi sembra del 16 o del 17 per cento circa 100 mila euro.
    Da questi detragga la monofase pagata, tengo a precisare che fino al giorno dell’inchiesta della Procura di Milano tutte le tasse sammarinesi erano state pagate in modo regolare. Della contabilità e quindi del pagamento si occupavano due studi primari di San Marino che possono confermare le mie parole, per cui mal che vada potrei essere debitore al massimo di 50 mila euro.
    Non posso dirle se anche le altre posizioni riportate sono simili alle mie ma se il sistema era lo stesso mi sento di pensare che la situazione sia la medesima.
    Conclusione provate a metterci il naso penso che saltera fuori qualche cosa di strano in quanto non credo che le cose vengano mai fatte senza motivo.
    La ringrazio per l’attenzione
    Paolo Magnone