San Marino. Telecomunicazioni: le solite domande…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Telecomunicazioni: le solite domande…

     

    Già in passato abbiamo più volte espresso perplessità rispetto alla modalità con cui si sta portando avanti il progetto Telecomunicazioni a San Marino.

    Abbiamo sempre sottolineato come il primo passo dovesse essere la definizione delle “regole del gioco” riguardanti le modalità di investimento, le metodologie di accesso, i costi dei servizi, le norme di comportamento e interazione reciproca dei vari attori del settore.

    Regole da applicare con transparenza e imparzialita’, in modo non discriminatorio, a tutti gli operatori interessati.

    Regole custodite e fatte valere da un’apposita authority, l’Authority ICT, che iniziammo a richiedere sin dal 2015.

    Giunti a questo punto, e vista l’attivita’ di Public NetCo S.p.A., ci domandiamo:

     

    – considerato l’impegno economico assunto, subordinato, in base a quanto più volte sottolineato dal Segretario di Stato, da un accordo con almeno un operatore,se questo accordo sia stato effettivamente firmato e, in caso affermativo, cosa è stato offerto a questa azienda?

     

    • l’accordo, prima di essere reso operativo, sarà sottoposto all’approvazione della Authority ICT in modo da non dover successivamente incappare in incompatibilità che portino al caos normativo?

     

    • se le stesse regole devono valere per tutti, quanto offerto in modo esclusivo a questa azienda è stato proposto anche agli operatori già presenti a San Marino?

     

    • i contenuti dell’accordo creeranno distorsioni del mercato, dando vita a trattamenti disuguali per i diversi operatori nell’accesso alla rete, nella tipologia di società richiesta (di diritto sammarinese o con sede all’estero), nelle regole per l’assunzione del personale?

     

    • perché non si é seguita la strada (semplice, trasparente, diritta) del bando per l’assegnazione dei contratti di uso della rete rendendo pubbliche le condizioni di accesso e si e’ invece voluto mettere in atto il percorso della trattativa riservata (complicata da giustificare, opaca e tortuosa)?

     

    Rimaniamo in attesa di risposte

    La Struttura Sindacale Aziendale di TIM San Marino
    Luigi Giardi
    Paul Salvi
    Claudio Bernardi
    Erik Casali