San Marino. “Testi coordinati in materia di procedura civile e penale” semplificazione normativa, conoscibilità delle norme, evoluzione tecnologica

  • Le proposte di Reggini Auto

  • giancarlo-venturiniLa Segreteria di Stato per gli Affari Interni e la Giustizia ha presentato nella giornata odierna la pubblicazione dei “Testicoordinati in materia di procedura civile e penale, Norme sui termini di gravame e sulla notificazione degli atti giudiziari, Legge sul patrocinio gratuito” realizzata in attuazione dell’articolo 20 della Legge 1 luglio 2015 n.102, legge con la quale sono state introdotte importanti modifiche e novità in materia tese a diminuire i tempi del processo civile sammarinese sia in primo grado che in grado d’appelloe a renderlo più snello ed efficiente – riducendone, altresì, i costi, – ferma restando la piena garanzia del diritto di difesa.

    Tale iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto cui, a partire dal febbraio 2013, la Segreteria di Stato ha dato avvio e che ha prodotto, sino ad oggi, l’elaborazione di testi coordinati nei settori di maggiore rilievo quali quelli della fiscalità, degli appalti pubblici, delle licenze, della disciplina degli organi costituzionali, del processo civile. E’ altresì disponibile il Codice Penale aggiornato, comprensivo di tutte le modifiche intervenute dalla data della sua prima adozione.
    Il progetto è stato definito con delibera n.23 del 7 febbraio 2013, nell’ambito degli interventi per il miglioramento dell’attività amministrativa ed è volto alla predisposizione di raccolte sistematiche delle principali normative sammarinesi allo scopo di facilitarne la consultazione e di rendere maggiormente fruibile il testo normativo.All’uopo, con Delibera n.75 del 29 dicembre 2014, il Congresso di Stato, sempre su iniziativa della Segreteria di Stato per gli Affari Interni e Giustizia, aveva autorizzato l’emissione di un bando di selezione per attivare un rapporto di collaborazione presso l’Avvocatura dello Stato e l’Istituto Giuridico Sammarinese a supporto del servizio di raccolta e di redazione dei testi coordinati.
    In seguito, con l’articolo 82 della Legge 22 dicembre 2015 n.189 il Legislatore, attraverso una specifica norma nella Legge Finanziaria, aveva impegnato il Congresso di Stato ad elaborare testi coordinati aventi valore ricognitivo delle norme vigenti disciplinanti le stesse materie, dando quindi valore cogente ai principi già contenuti nella delibera del 2013.
    Il lavoro dei ricercatori impegnati nel progetto è stato intenso e ha portato alla produzione, sino ad oggi, di circa ventitesti coordinati, ora pubblicati nell’apposita Sezione nel sito www.consigliograndeegenerale.smalla voce “TESTI COORDINATI”, dove sono a disposizione di tutti i cittadini, dei professionisti, dell’Amministrazione stessa.Una sezione che, sotto la supervisione del Dirigente dell’Ufficio Segreteria Istituzionale, è stata strutturata in macro aree suddivise per materia, le quali,a loro volta, sono articolate in più sottocategorie. Ogni testo coordinato è preceduto dall’elenco delle leggi, dei decreti e dei regolamenti citati nel testo. Un elenco che funge da menu con collegamenti ipertestuali per l’accesso ai documenti originari. Il percorso è possibile anche in senso inverso. Infatti, dall’ARCHIVIO LEGGI del sito, selezionando un testo normativo e visualizzandone i “dettagli” si può accedere al testo coordinato che ne comprende le norme.
    L’impegno relativo alla redazione dei testi coordinati, non si esaurisce, quindi, con il lavoro di ricerca e di integrazione dei testima è completato attraverso l’elaborazione di un contesto di riferimenti circolari utili per chi voglia approfondire e precisare la consultazione. Si tratta, inoltre, di un lavoro in costante aggiornamento, in quanto, con l’avvento di nuove norme, gli stessi testi coordinati e il campo dei riferimenti ipertestuali vengono rivisti ed integrati.
    Va precisato che i testi coordinati non costituiscono fonte normativa, ma sono uno strumento ricognitivo di sintesi delle norme vigenti relative alla stessa materia, il cui fine pratico è quello di agevolare l’utente nelle sue ricerche. Si tratta quindi di un “servizio” che favorisce la maggiore trasparenza e accessibilità delle disposizioni di legge, ai fini della loro fruizione e della loro osservanza.Ne è, in particolare, un esempio il Testo Unico delle norme in materia elettorale, di recente pubblicazione, che rende possibile avere una visione chiara e precisa delle norme in vigore, consentendo sia alle forze politiche che all’Amministrazione ed ai cittadini tutti, anche all’estero, di potere informarsi in maniera corretta e completa sul sistema elettorale vigente, senza doversi impegnare in un complesso percorso di ricerca e di selezione delle norme in corso rispetto a quelle abolite o modificate.
    Già all’inizio di questa legislatura, al fine di facilitare la fruibilità delle norme da parte dei destinatari, la Segreteria di Stato per gli Affari Interni e la Giustizia si è posta, quale obiettivo prioritario, il miglioramento della tecnica redazionale dei testi legislativi predisponendo un apposito Manuale, disponibile nel web nel sito della Segreteria stessa.
    Il Segretario di Stato per gli Affari Interi e la Giustizia, Gian Carlo Venturini ha dichiarato: “L’esigenza di chiarezza e comprensibilità ma ancor di più di pubblicità ed accessibilità della normativa vigente è oggi fortemente avvertita dalla società civile. Le istanze di partecipazione democratica sono sempre più diffuse e condivise. Non vanno disattese ma vanno, anzi, tradotte in interventi mirati all’attuazione dei principi di semplificazione e di trasparenza dell’azione amministrativa”. E ha concluso: “E’ l’obiettivo che nostra Segreteria ha perseguito fin dall’inizio legislatura con una serie di atti che ha riguardato l’intero ambito istituzionale ed amministrativo di competenza”.