SAN MARINO. USL PREOCCUPAZIONE PER LA SITUAZIONE DELL’ISS: O SI PRENDONO PROVVEDI MENTI O RISCHIAMO IL COLLASSO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  •  

    Siamo tutti consapevoli delle difficoltà che l’Istituto per la Sicurezza Sociale si trova ad
    affrontare per far fronte alla pandemia e dei sacrifici che i lavoratori stanno facendo in questo
    momento e, vista la situazione, siamo del parere che occorra mettere in sicurezza il nostro
    sistema sanitario e socio sanitario, vista anche l’inizio della stagione invernale e soprattutto i
    nuovi dati relativi all’andamento dei contagi e dei ricoveri.
    Non ci spieghiamo come, invece di destinare temporaneamente risorse in favore di quei
    comparti più in difficoltà, pare si stia preferendo mantenere la situazione così com’è.
    “Occorre fare squadra per salvare il nostro sistema sanitario e socio sanitario e non lasciare
    l’ISS da solo” commenta il Segretario FPI USL Mattia Marzi.
    La situazione coinvolge non solo i reparti ma il comparto sanitario e socio sanitario nel suo
    complesso compresi i servizi sul territorio e amministrativi.
    Riceviamo segnalazioni quotidiane da parte dei lavoratori sulla insostenibilità della situazione;
    insostenibilità frutto, non solo dei carichi di lavoro che impone la pandemia, ma anche da
    quanto fatto per contrastare la prima ondata, durante la quale i lavoratori hanno già dovuto
    gestire un forte carico lavorativo e adesso ne stanno pagando lo scotto.
    Riteniamo che occorra fare il massimo sforzo per garantire al personale la possibilità di
    beneficiare di quanti più possibili momenti di “riposo”, in questa fase sempre più necessari al
    recupero delle energie psicofisiche, per non correre il rischio di portate i lavoratori ad un
    situazione di intollerabilità tale da sfociare in malattie e sindromi da burnout con ulteriori
    problematiche dal punto di vista organizzativo e di corretta erogazione dei servizi.

     

    La FPI USL