San Marino. Verde speranza … di Sylva Savoretti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Riceviamo e pubblichiamo

    Speravo con tutto il cuore di non dover vedere abbattere le nostre piante. Certo, in situazioni particolari  la cosa si rende necessaria ma in questo caso, e mi riferisco all’abbattimento odierno delle piante situate vicino all’ incrocio di Murata, mi sembra proprio inopportuno.

    La domanda è quella solita: perché?

    Allora: c’è davvero tutta questa necessità di fare la rotatoria a Murata?

    E per farla c’è tutta questa necessità  ( ovviamente ) di abbattere il verde pubblico? Senza contare la spesa…anch’essa pubblica.

    Adesso direte “ecco la solita manfrina, tutti che blaterano sulla funzione del verde…(e poi dopo i fuochi)”.

    Ma vi pare poco? Nel nostro piccolo abbiamo un patrimonio naturale importante! Senza contare che piante sono quelle che ci permettono di respirare. Già l’aria è inquinata, figuriamoci se continuiamo a tagliare gli alberi!

    E ci sarebbe da dire qualcosa anche sull’ abbattimento di piante di Via Paolo III.

    All’esame di italiano della maturità, ho scelto il tema libero. A costo di apparire sdolcinata (allora come ora), ho parlato proprio di questo argomento, concludendo con la riflessione che gli alberi saranno la nostra salvezza e che non sarà un  caso se sono verdi: nella tradizione il verde è il colore della speranza.

    Speranza per la vita futura. Oggi, a maggior ragione, aggiungerei un punto esclamativo.

    Sylva Savoretti