Satira. “La Rubrica di Polly: Consigli per Genoveffa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Cara Polly,

    sono Genoveffa da Piandavello, ho 28 anni, sono una Influencer.

    Sono stata mollata recentemente dal mio ragazzo per una più grande di me.

    La cosa che però non sopporto di questa vicenda non è tanto l’essere stata scaricata, può capitare, l’ho fatto anche io.

    Non sopporto proprio che il mio Lui abbia scelto una che è più vecchia di me.

    Questa moda da parte dei ragazzi di imbastire avventure con donne più mature non la sopporto proprio.

    Eppure io sono una influencer e, secondo il parere di tanti ragazzi e uomini, sono molto carina. Che rabbia!.

    Mi piace tantissimo quel che scrivi e ti chiederei qualche «dritta» per meglio relazionarmi con l’universo maschile.

    Non voglio ancora sorprese dagli uomini.

    Tua Genoveffa

     

    Dolcissima Genoveffa,

    mi chiedi tante cose!.

    Sapendo di non essere così brava ho invitato la mia amica, confidente nonché “Hair Stylist” Marissa e la Signora Ines a fare un aperitivo per risponderti.

    Con due esperte così sono sicura che le mie risposte saranno fatte per bene.

    Marissa, infatti, ne sa molto più di me sugli uomini mentre la Signora Ines è a conoscenza dei segreti della politica sammarinese già dai tempi del governo delle sinistre capeggiato, a detta sempre della Signora Ines, da alcuni signori anziani piuttosto arzilli e attivi anche in questa legislatura.

    Sotto dettatura delle mie due amiche ecco alcuni piccoli suggerimenti:

    1) Un uomo di solito ha bisogni primari molto semplici.

    Proponigli una serata con buon cibo, un televisore, un comodo divano e sarai già a tre quarti dell’opera.

    L’altro quarto, be’… dipenderà anche da voi.

    Gli uomini sono un po’ il Segretario Canti della DC che, rasato come Bruce Willis, a Marissa fa tanto sangue e che, sempre secondo lei, ha il look da vero rubacuori. Apparentemente lento e poco loquace Zitto zitto, invece, non sbaglia una delibera e quando parte la campagna elettorale non c’è ne per nessuno.

    Dicono sia lui il vero erede del Segretario DC Giancarlo Venturini.

    2) Non mostrarti iperattiva, ipersportiva, ipertutto: troppi «iper» spaventano la tranquilla e metodica natura maschile.

    Se ti agiti troppo, gli uomini non riusciranno più a seguirti e potrebbero perderti di vista. La Signora Ines mi dice di non fare, insomma, come il capo di Libera Matteo Ciacci.Indimenticabile eroe della rovente estate politica di un anno fa.

    Uno che ha con scienza e coscienza ha mandato in crisi il governo di cui era parte, favorito il compromesso storico tra RETE e DC ritrovandosi all’opposizione con Repubblica Futura. Proprio quelli che voleva cacciare.

    3) Se un brutto giorno noti una rughetta o un filo di cellulite, non fartene un dramma.

    Tranquilla, un maschio normalmente non se ne accorge, o lo farà dopo dieci anni. Forse! Fai come Repubblica Futura. Loro si che sono furbissimi, cambiano pelle e facce ma con stile e classe.

    L’altro giorno parlava sui SOCIAL la nuova Consigliera Savoretti. Una graziosa Signora dai lineamenti squisitamente mediterranei. La Signora Savoretti ripeteva con tono leggermente monocorde gli storici cavalli di battaglia di RF.

    Un ritornello apparentemente noioso che però alla lunga ti entra nella testa. Un po’ come quando ai tempi dell’Università c’era chi riascoltava durante il sonno gli appunti di lezione per preparare gli esami.

     

    4) A un uomo interessa poco l’ultimo modello di scarpe che hai comprato.

    Soprattutto se glielo mostrate mentre guarda la partita. E comunque sappi che quando poi ci penserà gli verrà in mente l’addebito sulla carta di credito.

    Cara Genoveffa punta sempre dritto al tuo obiettivo. Prendi ispirazione da Denise Brozetti, la leader indiscussa di NPR, che con modi magari un po’ spicci tiene faticosamente il punto all’interno di una lista assai vivace composta da quattro o forse più anime. Rifacendosi, anche quando tira burrasca, alla tanto bistrattata “vecchia politica” del tirare a campare.

    5) Devi avere personalità, ironia e non dar nulla per scontato.

    Applica il «push and pull»: con il tira e molla, gli uomini non ci capiscono molto e sono regolamente spiazzati. Diventerai desiderabile e sembrerai irraggiungibile.

    Fai, insomma, come fa il nostro calvo e dark Roberto Ciavatta. Lui si che è un artista del tira e molla. Sbertuccia gli alleati, stila la lista dei buoni e dei cattivi, si lascia andare a dichiarazioni forti sulla sanità e poi ti guarda sorridendo come se ti volesse dire: ho scherzato!.

    Una vera forza della natura!

     

    Spero di esserti stata utile!

    Bacioni

    Polly