SATIRA. “LA RUBRICA DI POLLY: IL CONSIGLIO DELLE MERAVIGLIE”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • LA RUBRICA DI POLLY: “IL CONSIGLIO DELLE MERAVIGLIE”

    Care amiche ma soprattutto amici!.

    Ci sto prendendo gusto.

    Grazie a Marissa (mia amica del cuore, confidente nonché “Hair Stylist”) e alla Signora Ines ho capito quanto sia importante la politica in questo Paese.

    E io che per 39 anni ho pensato che fosse un mondo grigio e palloso. Che svampita!.

    Grazie alle mie due superconsulenti ho capito che è un mondo fatto di passioni brucianti, di tradimenti e di riappacificazioni, di storie di amore intense durate anche un’ora o un giorno.

    E’ proprio vero che, come dice quella cantante dallo stile un po’ alla Raoul Casadei scelta per lo spot del Natale di Pedini Amati (scrivi il cognome per intero altrimenti il Segretario ci rimane molto male, mi ha detto la Signora Ines), il Consiglio delle Meraviglie…aspetta te!.

    Ci sono elfi, maghi, fate e streghette nell’aula consigliare.

    Ci sono i maghi, dediti alle arti oscure, come il Professor Nicola Renzi.

    L’Harry Potter, o meglio, il Renzi Potter del Consiglio delle meraviglie.

    La Signora Ines mi ha particolarmente aiutato rispolverando la sua cultura classica maturata al liceo suggerendomi, sotto rigorosa e accurata dettatura, alcune citazioni latine per parlare del nostro maghetto.

    Occhiali tondi, ghigno sempre desto, pronto ad usare la sua bacchetta magica contro chiunque metta in discussione la casata di Repubblica Futura già Alleanza Popolare.

    Con un sortilegio alla Avadachedavra o un Incantum Patronum mettr ko ogni tipo di attacco o contestazione mossa alla purezza della sua casata.

    Il suo vero potere è la “damnatio memoriae” relegando nell’oblio tutte quelle scelte, dimostratesi discutibili, fatte da AP ed RF nel corso degli anni.

    Quando RETE gli ricorda di avere fatto alleanze con il PSD di Stolfi, De Biagi, Andreoli l’Harry Potter di RF agita la bacchetta facendo calare sull’aula una nebbia anestetizzante.

    Quando poi gli si ricorda di avere fatto con la DC e i vari pezzi derivanti da quel mondo e quindi con i vari Gatti (quello D.O.P. non l’OGM ora al Governo, riagita la bacchetta e riaddormenta l’avversario.

    Se poi qualcuno ha l’ardire di ricordargli che ha governato negli ultimi tre anni, lui riagita ancora la bacchetta convincendo il Consiglio delle Meraviglie, soprattutto quelli di LIBERA e Zafferani, che al governo c’era solo un uomo con pieni poteri che ha fatto sfracelli e cioè Simone Celli. Mica RF o SSD o Civico 10!.

    Il nostro maghetto diventa poi una furia inarrestabile se gli si ricorda di avere collaborato con i politici e affini al poliedrico mondo Grandoniani. Guai a voi!.

    Ma anche il nostro Renzi Potter ha un punto debole.

    Possibile però che nessuno ci sia mai arrivato e che siano a suggerirlo una MILF di Chiesanuova, una Hair Stylist ed una attempata Signora un po’ troppo civettuola?.

    La prossima volta rispondetegli con l’incantesimo “Usque Tandem?” e forse il nostro Harry Potter di comprovata cultura classica inizierà a vacillare. Provate in questi giorni consigliari e fatemi sapere.

    Nel Consiglio delle Meraviglie ci sono poi gli Hobbit, come Luca Boschi.

    Anche lui, come Frodo del Signore degli Anelli, impegnato nel portare un peso più grande delle sue forze in un mondo dominato da forze oscure e uomini malvagi.

    Una sofferenza, quella di Boschi, che è esplosa durante il suo intervento sul bilancio e mitigata dalla sua erre moscia che non gli permetteva di pronunciare al meglio lo stato di residenza della società americana che ci inonderà di denaro dal prossimo gennaio.

    Che tragedia è stata per Frodo – Boschi, pronunciare la parola Delaware.

    Abbiamo tutti ascoltato un contorcimento linguistico accompagnato da una ricostruzione altrettanto contorta di flussi finanziari quasi come Frodo in preda ai deliri per l’anello del potere.

    Ne è venuta fuori una cacofonia antipatica rispetto all’impegno ed al pathos del Consigliere di Libera, o meglio della sezione sammarinese del club fan di Bruce Springsteen.

    È si perché quelli di Libera han addirittura dedicato a Springsteen il nome dei loro buoni Salva Stato, i BOS(S).

    D’altronde un partito che annovera al suo interno nomi biblici importanti tipo EVA, MATTEO e soprattutto GIUSEPPE MARIA non può che promettere miracoli…finchè sta all’opposizione.

    Mi tocca smettere perché ho ricevuto un SMS da Fabio, il mio fitness trainer a cui vorrei mostrare approfonditamente come sono migliorata nell’eseguire gli squat ma che il Covid mi tiene lontano.

    Mi scrive che il tampone è ancora positivo, che palle.

    Anche una donna ha le sue esigenze,no!.

    Bacioni

    Polly

     

    Post Scriptum

    So che alcuni uomini, liberi professionisti nonché politici, hanno chiesto al Direttore di Giornale.sm di incontrarmi.

    Chi perché si è sentito lusingato dalle mie profonde parole o chi, invece, è rimasto colpito dalla foto delle mie gambe che ho scelto di regalarvi per questa mia rubrichetta.

    A loro, oltre che ringraziarli per l’attenzione, posso solo dire che sono e rimango una donna riservata.

    E’ vero, nell’ultimo anno dopo essermi separata, ha scoperto una nuova dimensione.Scelgo io chi sedurre e quando mollare la presa ma rimango però sempre io la semplice Polly da Chiesanuova.

    Non sono mica come quelle dive, modelle, influencer o ambasciatrice intervistate nell’elegante salotto di telesanmarino dove raccontano, tra una lacrima un sorriso e un consiglio sul make up, le loro storie private e personalissime.

    Cari uomini, politici e non, non fatevi quindi tante illusioni!.