scaduti i termini per le autocandidature delle Giunte di Castello

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Sono 21.585 i sammarinesi chiamati alle urne, per il rinnovo di tutte e 9 le amministrazioni locali. Una tornata che presenta elementi di interesse, a partire dalle presunte tensioni all’interno della maggioranza – in particolare tra Democrazia Cristiana ed Europopolari – per l’individuazione dei candidati. Con un comunicato gli EPS prima di tutto smentiscono le voci circa una lista comune a Borgo Maggiore con la coalizione “Riforme e Libertà”; ma poi affermano di voler rivolgere il proprio sostegno a quelle liste – si legge – “che meglio rappresentano gli ideali del popolarismo liberale e democratico”. Gli Europopolari sono insomma per la libertà di azione; sarebbe proprio lo spirito della legge sulle Giunte di Castello – affermano – a svincolare le liste dalla più stretta appartenenza partitica. Normativa – quella sulle amministrazioni locali – che ha visto l’introduzione di 4 articoli per armonizzare le vecchie disposizioni alla nuova legge elettorale: le schede avranno le stesse caratteristiche di quelle utilizzate per le elezioni politiche, uniformate inoltre le conseguenti cause di nullità. Quanto alle candidature bocche cucite all’Ufficio di Stato Civile, dove i nomi degli aspiranti Capitani di Castello potranno essere presentati sino a domani. Le candidature possono però essere depositate anche direttamente di fronte ai capitani uscenti, pertanto sarà possibile avere un quadro chiaro della situazione solo nella giornata di lunedì quando la Commissione elettorale si riunirà per esaminare tutte le richieste depositate, valutandone l’ammissibilità.