Schumacher, l’ex medico: “Bene prepararsi al peggio, nel trasporto a Grenoble si è persa un ora vitale”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

schumacher-2Un’ultima, drammatica, indiscrezione sulle condizioni di salute diMichael Schumacher: “Sarà bene prepararsi al peggio”. A dirlo è Gary Harstein, l’ex medico personale di Michael Schumacher, in coma da dicembre a seguito dell’incidente avvenuto sugli impianti sciistici diGrenoble. Il medico – che è stato una figura chiave nel paddock fino al termine della stagione 2012 – ha poi affermato che tanto più tempo prenderanno i tentativi di risvegliare il più volte campione del mondo, tanto meno probabile sarà un suo completo ristabilimento.

L’errore dei primi soccorsi – Scrivendo sul suo blog personale, il medico americano ha dichiarato che “col passare del tempo diventa sempre meno probabile che Michael riuscirà a svegliarsi”. Ha poi espresso un parere molto severo sui primi soccorsi, che avrebbero perso tempo cruciale: “Credo che ci siano stati degli errori evidenti nel trattamento iniziale di Michael, lo so da fonti assolutamente affidabili che hanno avuto accesso a queste informazioni”. Ad esempio, l’elicottero del soccorso lo ha portato inizialmente all’ospedale di Moutiers, dove non c’è un unità neurologica, scrive il Times citando Harstein. Nel trasporto a Grenoble, “è stata persa un’ora intera, forse di più. Impossibile dire cosa un’ora o due avrebbero significato in un caso del genere, ma gran parte dei neurologi vi direbbe che sono fondamentali”. Libero

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com