Scoprì che il marito era stato coinvolto in un’indagine per rapine e violenza sessuale a danno di prostitute. In seguito, avrebbe violentato anche lei, dietro minacce esplicite di morte. Questo il contenuto della testimonianza di una donna di Scafati, che settimane fa ha raccontato la sua storia ai giudici del tribunale di Nocera Inferiore. Assistita dal legale Roberto Acanfora, la vittima è parte lesa in un processo in cui un uomo di Scafati, di 36 anni, risponde di violenza sessuale e maltrattamenti nei riguardi della ex moglie. La testimonianza della donna è stata verbalizzata dal collegio presso il tribunale di Nocera, nella prima udienza valida per il processo che si sta celebrando nei confronti dell’imputato. L’indagine della procura, con contestuale apertura di un fascicolo, partì a seguito della denuncia della donna, che aveva scoperto che il marito era stato coinvolto in una serie di indagini per rapina e violenza contro alcune prostitute del napoletano, e poi anche dell’Agro nocerino. Procedimenti per i quali l’uomo fu destinatario di una serie di condanne, in primo e secondo grado.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Scoprì che il marito era stato coinvolto in un’indagine per rapine e violenza sessuale a danno di prostitute. In seguito, avrebbe violentato anche lei, dietro minacce esplicite di morte. Questo il contenuto della testimonianza di una donna di Scafati, che settimane fa ha raccontato la sua storia ai giudici del tribunale di Nocera Inferiore. Assistita dal legale Roberto Acanfora, la vittima è parte lesa in un processo in cui un uomo di Scafati, di 36 anni, risponde di violenza sessuale e maltrattamenti nei riguardi della ex moglie. La testimonianza della donna è stata verbalizzata dal collegio presso il tribunale di Nocera, nella prima udienza valida per il processo che si sta celebrando nei confronti dell’imputato. L’indagine della procura, con contestuale apertura di un fascicolo, partì a seguito della denuncia della donna, che aveva scoperto che il marito era stato coinvolto in una serie di indagini per rapina e violenza contro alcune prostitute del napoletano, e poi anche dell’Agro nocerino. Procedimenti per i quali l’uomo fu destinatario di una serie di condanne, in primo e secondo grado. Leggo

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com