Scrive messaggi e li invia al cellulare del papà morto ogni giorno: dopo 4 anni riceve una commovente risposta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Per quattro anni ha scritto un messaggio a suo padre Jason ogni giorno. Gli raccontava i suoi successi, le sue battaglie, i suoi amori e lo aggiornava sui cambiamenti della sua vita. Parole al vento che non hanno mai ricevuto una risposta, visto che il papà di Chastity Patterson, una 23enne di Newport, negli Usa, è morto, appunto, quattro anni fa. Da allora l’unica cosa che riusciva a dare sollievo a Chastity per quella perdita era scrivere quei messaggi, anche se  sapeva benissimo che non sarebbe mai potuta arrivare una risposta. Fino a qualche giorno fa, quando la sua vita si è intrecciata con quella di Brad, un uomo che per anni ha ricevuto i messaggi della ragazza senza avere mai il coraggio di rispondere. Un uomo che sa cosa voglia dire la sofferenza, visto che nel 2014 ha perso la figlia in un incidente d’auto.

Pochi giorni fa Chastity Patterson ha inviato come sempre un messaggio al vecchio numero di telefono del padre: era la notte che precedeva il quarto anniversario della sua morte. «Ehi papà, sono io. Domani sarà di nuovo una giornata difficile!» ha esordito la ragazza scrivendo un lungo testo in cui parlava del diploma e della sua lotta contro il cancro. Ma poco dopo Chastity è rimasta scioccata: sul suo cellulare è apparso un messaggio proveniente dal vecchio numero telefonico del padre. Un numero che, nel frattempo, era stato riassegnato dalla compagnia telefonica a un altro utente.

«Ciao tesoro, non sono tuo padre, ma ho ricevuto tutti i tuoi messaggi negli ultimi quattro anni – le ha scritto Brad – Attendo i tuoi messaggi mattutini e i tuoi aggiornamenti notturni. Mi chiamo Brad e ho perso mia figlia in un incidente d’auto nell’agosto 2014 e i tuoi messaggi mi hanno tenuto in vita. Quando mi scrivi, so che è un messaggio di Dio. Mi dispiace che tu abbia perso qualcuno così vicino a te, ma ti ho ascoltato nel corso degli anni e ti ho visto crescere più di chiunque altro. Avrei voluto risponderti in questi anni, ma non volevo spezzarti il cuore. Sei una donna straordinaria e vorrei che mia figlia fosse diventata la donna che sei: grazie per i tuoi aggiornamenti quotidiani. Mi ricordi che c’è un Dio e non è stata colpa sua se la mia bambina se ne è andata. Mi ha dato te, il mio angioletto e sapevo che questo giorno sarebbe arrivato. Andrà tutto bene. Mi dispiace che tu debba attraversare tutto questo, ma se ti rende migliore, sono molto orgoglioso di te».

Scioccata e commossa, venerdì Chastity ha condiviso questo testo su Facebook: il post è diventato virale ed è stato condiviso oltre 265.000 volte. «Ho mandato un messaggio a mio padre ogni giorno per fargli sapere come va la mia giornata, negli ultimi quattro anni! – ha scritto nel post la ragazza – Oggi è arrivato il segno che va tutto bene e posso lasciarlo riposare!»

Dopo che il post è diventato virale la ragazza ne ha scritto un altro in cui ha raccontato che Jason Ligons non era il suo padre biologico, ma era stato l’uomo che si era occupato di lei per tutta la vita.
«Non ha mai perso un ballo scolastico, un ballo di fine anno, i miei giochi. Avrei dovuto presentargli i miei fidanzati (se mi fosse stato dato il permesso di uscirci) e lui si sarebbe comportato come un normale papà e ci avrebbe parlato a lungo. Ho pianto con lui, gli ho raccontato tutto e si è preso il tempo per amarmi e mostrarmi che aspetto ha la felicità. Quindi sì, Jason era mio padre. Ho condiviso i miei messaggi per i miei amici e parenti, per far vedere loro che esiste un Dio: e possono anche volerci 4 anni, ma alla fine si presenta puntuale». Leggo

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com