SCUOLA. 82.000 STUDENTI FUORI DALLE AULE IN EMILIA-ROMAGNA? MORRONE (LEGA): MINISTERO NEL CAOS

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Forlì, 30 giugno. “Saranno probabilmente circa 82.000 gli studenti che in Emilia-Romagna non potranno seguire le lezioni in classe, esclusi dai limiti imposti dal Governo. E’ incredibile che al ministero dell’Istruzione non si cerchino urgentemente altre soluzioni, per esempio l’utilizzo di spazi disponibili nelle scuole paritarie come ha suggerito la Lega, e ci si accontenti semplicemente di selezionare gli studenti che non saranno ammessi in aula, trattati come fossero numeri e non soggetti che detengono diritti”.
    Così in una nota il parlamentare della Lega Jacopo Morrone, che ha presentato nei giorni scorsi un’interrogazione al ministro Lucia Azzolina sulla formazione delle classi e sull’immissioni di nuovi insegnanti, tra i fattori indispensabili per poter organizzare in sicurezza l’anno scolastico 2020-2021.

    Ufficio Stampa Lega Romagna