Scuola: presentata la legge che introduce la valutazione in decimi

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La valutazione di uno studente contiene non solo il livello di apprendimento e la partecipazione alle attività scolastiche, ma anche il comportamento e il grado di maturazione raggiunto. É stato presentato in prima lettura ieri sera in Consiglio Grande e Generale, dal Segretario di Stato per l’Istruzione, Romeo Morri, il Progetto di Legge che introduce la valutazione dello studente espressa in decimi sia sulle materie scolastiche che sul comportamento.

    Obiettivo di fondo, ha spiegato il Segretario di Stato, “armonizzare il sistema scolastico sammarinese, pur nella sua autonomia decisionale e organizzativa, a quello italiano, per il reciproco riconoscimento dei titoli”. Il Progetto di Legge “Modifiche alla Legge 29 maggio 1979 n. 33 Disposizioni relative alla valutazione individuale degli alunni e agli esami di licenza della Scuola Media dell’obbligo” prevede la non ammissione all’anno successivo, o all’esame conclusivo del ciclo, in caso la valutazione, determinata da tutto il Consiglio di classe, sia inferiore a sei decimi.

     La scuola, ha analizzato nella sua relazione il Segretario di Stato Morri, “è un’agenzia formativa fondamentale e necessità di ampie riforme”, per cui occorre chiedersi se sia sufficiente cambiare il metodo di valutazione. Il Progetto di Legge non rappresenta “un ritorno al passato, quando il voto in condotta era un vero e proprio spauracchio, ma la riaffermazione di un valore che si era disperso nel falso liberismo di questi anni”. E ora, ha aggiunto, i comportamenti irriverenti possono compromettere l’intero anno scolastico, “gli scansafatiche, gli assenteisti, i violenti e i maleducati rischiano”. La scuola però, non agisce da sola per cui andrà migliorato il rapporto con la famiglia, potenziando i sistemi di comunicazione e riconsiderando il “tempo-scuola” e il “tempo-famiglia”. Per il secondo quadrimestre di quest’anno scolastico, ha concluso il Segretario di Stato, “sarà predisposto tutto il materiale per gli studenti delle terze classi: profilo personale con i voti, valutazione globale e voto in condotta, nonché il diploma di licenza Media con il voto, affiancato da schede personalizzate con le competenze acquisite”.

    CS/Cr

     

    Ufficio Stampa del Congresso di Stato

    COMUNICATO STAMPA