Serie A: in campo Milan-Cagliari DIRETTA

  • Le proposte di Reggini Auto

  • In campo Milan-Cagliari

    “La Champions è un obiettivo importante da centrare questa sera. Non sarà facile. Per noi sarebbe un primo step di ritorno alla normalità. Speriamo di poterlo festeggiare questa sera. Sarebbe la certificazione di un percorso virtuoso iniziato l’anno scorso che ci vuole riportare in una dimensione europea di massimo livello”: lo dice il ds del Milan Frederic Massara a Sky poco prima del fischio d’inizio di Milan-Cagliari. Una vittoria regalerebbe la matematica certezza ai rossoneri di tornare in Champions League. “La squadra penso abbia fatto un’ottimo percorso – aggiunge Massara – il mister è riuscito a far esprimere un gioco a tratti esaltanti. Sarebbe un traguardo meritato. Pioli è riuscito a superare i momenti difficili con grande lucidità, con la capacità di riemergere sempre. Abbiamo perso partite che non pensavamo di perdere ma il mister è riuscito a riemergere non possiamo che fare un applauso”.

    Il Cagliari matematicamente salvo, gioia in città – Un gol rossoblù regala la matematica salvezza al Cagliari. È quello dell’attaccante del Crotone Simy al penultimo minuto di recupero della sfida al Vigorito tra il Benevento e la squadra di Cosmi, finita sull’1-1. Primi festeggiamenti della squadra all’hotel Sheraton di Milano: i giocatori, che stavano guardando la gara, hanno accolto con un urlo di gioia il triplice fischio. A Cagliari primi clacson che suonano in centro e intorno alla statua di Carlo Felice in piazza Yenne. Anche se il Comune, già dalla gara con la Fiorentina, ha pregato i supporter di evitare assembramenti. Un gol che ha sorpreso la città con tanti cagliaritani al mare per i primi tuffi. Per come si erano messe le cose in Benevento-Crotone nessuno osava sperare di non dovere più soffrire: il gol di Lapadula e il rosso a Golemic avevano ridotto le speranze quasi a zero. Poi, nel recupero, il gol dei calabresi che ha fatto esplodere di gioia anche la Sardegna.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte