TARGHE ESTERE E AUTISTI ITALIANI: DIECI LE AUTOVETTURE POSTE SOTTO SEQUESTRO AMMINISTRATIVO. Proseguono i controlli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La polizia municipale di Rimini fino ad ora ha pizzicato solo una auto immatricolata nella Repubblica di San Marino condotta da un residente a Rimini dal 1966.

Sono state dieci le autovetture con targa estera condotte da residenti in Italia poste sotto sequestro amministrativo dalla Polizia municipale di Rimini a due mesi dall’entrata in vigore delle nuove misure previste a contrasto del fenomeno.

Misure severe perché possono portare no alla confisca del veicolo qualora entro i termini previsti dalla normativa il proprietario non si adegui o con la reimmatricolazione del mezzo alla cui guida è stato sorpreso un cittadino residente in Italia da più di due mesi, oppure con la sua comprovata esportazione entro 180 dal sequestro amministrativo del veicolo. Dal momento dell’accertamento delle violazioni, infatti, il veicolo deve cessare immediatamente di circolare fino alla sua regolarizzazione e per questo affidato generalmente in custodia al proprietario in un luogo privato dove viene trasportato con l’utilizzo seduta stante di un carro-attrezzi.

Dopo la prima constatazione ad un cittadino moldavo, sorpreso dai controlli sulla via Montescudo alla guida di un veicolo immatricolato in Romania avvenuta all’indomani dell’entrata in vigore delle disposizioni nel dicembre scorso, sono state dunque complessivamente dieci le violazioni accertate e contestate da parte degli operatori della Polizia municipale di Rimini a tutt’oggi, cinque delle quali circolanti con targa rumena, una con targa bulgara, una albanese e solo una immatricolata nella Repubblica di San Marino condotta da un residente a Rimini dal 1966.

Condotte invece da un automobilista residente nella provincia di Catania la Renault Tingo immatricolata in Germania e da un conducente residente a Ravenna la Peugeot con targa francese.

Applicando le nuove disposizioni entrate in vigore nei primi giorni del dicembre scorso, oltre al pagamento della sanzione pecuniaria di 712 euro, gli operatori della Polizia municipale di Rimini hanno così provveduto al fermo del veicolo ai fini della sua confisca, come prevede la normativa qualora non si sia provveduto, entro 180 giorni dalla data della violazione, ad una sua immatricolazione in Italia o il rilascio di un foglio di via per condurlo oltre i transiti di confine.

I controlli insomma continuano e dal Titano non è stato ancora possibile risolvere la situazione.

La RepubblicaSM

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com