Tav, depositata l’analisi costi-benefici. Ma salta il vertice di governo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Toninelli fa recapitare a Palazzo Chigi e ai vicepremier l’analisi sulla Tav. Previsto un vertice in serata, che però è saltato all’ultimo.

L’analisi costi benefici sulla Tav è stata consegnata. È arrivata a Palazzo Chigi ed ora è sui tavoli di Conte e dei due vicepremier.

Si tratta di tre plichi che il capo segreteria, insieme a Toninelli, ha fatto arrivare ai colleghi di governo intorno alle 21.30.

Al momento, nessun esponente del governo ha espresso alcun commento. Anzi. Matteo Salvini ha detto che non leggerà la relazione sulla Torino-Lione stanotte, ma domattina. Il rischio che si riapra un nuovo scontro nel partito è alta.

Il dossier era stato già consegnato, tra le polemiche, alla Francia. Il ministro dell?Interno si era irritato col collega Toninelli per la mancata condivisione dei risultati di una commissione (diretta dal professor Marco Ponti) che rischia di portare alla resa dei conti Lega e M5S. Favorevoli a concludere la Tav i primi, palesemente contrari i secondi.

“Finalmente si aprirà un dibattito pubblico talmente importante da partire dai numeri”, spiega il titolare dei Trasporti. Per Toninelli non appena la relazione sarà pubblica non ci saranno più “opinioni e giudizi sul nulla, ma su dei dati scientifici”. Non è della stessa idea Salvini che, dal salotto di Porta a Porta, ribadisce che “sarebbe un peccato lasciarla incompiuta” ma non perché lo dicono i francesi, “ma perché credo che serva agli italiani”. Nel mezzo si trova il premier Conte, che prova a mediare tra le parti: “Abbiamo pianificato miliardi di investimenti infrastrutturali nel nostro budget – dice – quindi un potenziale ‘no’ all’alta velocità non rappresenterebbe un ‘nò alle infrastrutture in generale”. Ma lo scontro è rimandato a domani mattina.

Per questa sera era in programma un vertice sulla Tav, forse per trovare la quadra a caldo. Ma è saltata. Nonostante Salvini l’avesse confermata durante la registrazione di Porta a Porta, la riunione – che avrebbe visto la partecipazione di Luigi Di Maio e Matteo Salvini, Enzo Moavero, Riccardo Fraccaro e Giancarlo Giorgetti è rinviato – è stata rimandata. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com