Toscana,multe pagate con ore lavoro

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Non soldi ma aiuti ad anziani e malati

    Un’ora di lavoro gratis ogni 20 euro di sanzione. Chi sarà multato per un’infrazione della strada, come divieto di sosta, potrà saldare il proprio debito impegnandosi in un lavoro socialmente utile. Come dipingere la cancellata di una scuola, assistere i disabili, raccogliere la spazzatura. E’ la proposta del vicepresidente della Regione Toscana, Federico Gelli, che sarà presentata in giunta. Il trasgressore potrà scegliere se pagare o lavorare.

     

    La norma contro il degrado e per la sicurezza urbana – come riferisce il “Corriere della Sera” – si compone di 16 articoli redatti con il contributo di esperti e polizie municipali.

    Prevede di dare la possibilità a chi ha commesso illeciti amministrativi di non pagare ma di rendersi utili con lavori socialmente utili. Tra questi aiuti alla manutenzione di scuole, contributi alla quotidianità di ospedali e case di riposo, gestione del verde cittadino. Nelle strutture pubbliche, sottolinea il promotore della legge, c’è molto da fare.

    Gli illeciti per i quali sarà lasciata al cittadino la possibilità di scegliere tra il pagare e il lavorare sono numerosi: dalla multa per divieto di sosta a quella per chi transita nelle zone a traffico limitato, dal lancio di gavettoni d’acqua all’accensione di fuochi in luoghi pubblici, da chi lascia i cani senza guinzaglio a chi cammina su cornicioni o tetti.