TRA GLI STATI UE SI INTENSIFICA ASSISTENZA RECIPROCA NEL SETTORE DELLA FISCALITÀ

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CLICCA QUI PER LEGGERE VERSIONE INTEGRALE DIRETTIVA

E’ fin troppo evidente che leggendo la Direttiva che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2013, la legislazione e il corpus normativo sammarinese non si può assolutamente considerare al di fuori dagli standard Ocse, ovvero europei.

Basti pensare che la direttiva in oggetto si adegua alla nuova formulazione dell’articolo 26 del modello Ocse escludendo che la custodia dell’informativa presso banche o altre istituzioni finanziarie, ovvero da una persona che agisce in qualità di agente o fiduciario, possa rappresentare una giustificata causa di rifiuto alla condivisione dei dati richiesti.

In concreto il segreto bancario non è più considerato un legittimo impedimento alla divulgazione di informazioni nell’ambito del sistema di cooperazione comunitario.

C’è difformità con quanto applica la giurisdizione sammarinese già da oggi? No assolutamente, in quanto gli aggiornamenti legislativi già in vigore, gli accordi bilaterali siglati con i vari governi, sono tutti proiettati e assolutamente osservano le norme che l’Ue si è data.

0=0=0=0

La cooperazione amministrativa fra gli stati membri dell’Unione europea può contare ufficialmente su un nuovo e più efficace strumento di lotta alle frodi. La direttiva del Consiglio 2011/16/UE del 15 febbraio 2011, relativa alla cooperazione amministrativa nel settore fiscale, che completa il processo di rinnovamento dell’apparato normativo avviato con l’approvazione del regolamento 904/2010 per l’Iva.

La nuova direttiva interviene nel campo delle imposte dirette e sostituisce l’ormai datata direttiva 799 del 1977, che viene abrogata a decorrere dal 1° gennaio 2013.

La nuova direttiva imporrà agli stati profonde modifiche sulle modalità di instaurazione e gestione dei rapporti con i partner comunitari, delineando un apparato che, per portata dello scambio informativo e trasparenza, si allinea agli standard definiti dall’Ocse, con la recente modifica dell’articolo 26 del Modello di Convenzione contro le doppie imposizioni, i Progress Report e il progetto di Peer Review, lanciato nel corso del Global forum in Messico del 2009. 

15 marzo 2011

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com