Tratta dei baby calciatori africani. L’avvocato Cocco colpisce ancora! Archiviate le posizioni del Ds riminese Mauro Cevoli, del toscano Leo Giusti e degli osservatori Semprini e Macrelli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Avvocato penalista Filippo Cocco

Ennesima grande vittoria per il noto avvocato penalista riminese Filippo Cocco, noto a San Marino per essere, tra l’altro, da sempre il difensore di fiducia dell’ex ministro degli esteri Gabriele Gatti e per aver seguito, con successo, diversi casi importanti presso il Tribunale unico del Titano.

Questa volta la lieta notizia arriva dalla terra toscana, dove il Gip del Tribunale di Prato – accogliendo le richieste del Pubblico Ministero – ha archiviato le posizioni del procuratore sportivo riminese Mauro Cevoli, del collega toscano Leo Giusti e degli osservatori riminesi Veniero Semprini e Walter Macrelli. 

Il procedimento, che inizia nel 2017, verteva sulla dicotomia tra calcio e immigrazione clandestina. Ad essere indagati, e deferiti, furono dapprima i vertici del Prato Calcio, squadra che ora milita in Serie D. Procedimento partito dal Prato ma che arrivò a lambire e coinvolgere anche Juventus, Inter, Fiorentina e Cittadella. 

Secondo l’accusa alcuni dirigenti del Prato calcio avrebbero alterato i risultati di alcune partite e favorito l’ingresso illegale in Italia di minorenni africani, poi venduti a squadre di serie superiore. Sarebbero quindi state violate – per l’accusa – le norme in materia di immigrazione relativamente a due giovani calciatori africani, entrambi del 1998. Omar Tourè e Moussa Sourè ceduti dal Santarcangelo Calcio alla Juventus e all’Inter.

Oggi il colpo di scena! Come detto il Gip di Prato ha dichiarato conforme alle norme sull’immigrazione la condotta di Cevoli e degli altri tre imputati tutti difesi dall’avvocato Filippo Cocco e dall’avv. Alberto Amadio. Indubbiamente una grande vittoria! L’ennesima.

/ms

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com