Ultim’ora cronaca. Tragedia in crociera: ragazzo sviene e muore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La tragedia su una nave da crociera Msc. Il giovane, Matteo Sartori, avrebbe sbattuto la testa probabilmente dopo essere stato colto da malore ed è morto dopo diversi giorni di agonia

Doveva essere una crociera per rilassarsi e staccare la spina dalla routine quotidiana.

E invece, quel viaggio tanto atteso fatto in compagnia della fidanzata, per un ragazzo di 33 anni originario di Piove di Sacco, in provincia di Padova ma residente a Fossò nel Veneziano, si è trasformata in tragedia.

Il giovane, Matteo Sartori, è morto improvvisamente, forse a causa di un malore, mentre si stava recando nella sua cabina per medicarsi dopo essere tagliato con un coltello a tavola.

Il dramma si è consumato a bordo di una nave da crociera Msc salpata da Venezia all’inizio di settembre. Lo scorso sabato sera, Matteo e la sua fidanzata Sonia si erano recati nella sala da pranzo dell’imbarcazione per allietare il palato con i piatti del ricco menu proposto dal programma.

La serata stava trascorrendo in assoluta tranquillità almeno fino a quando il giovane si è ferito al dito con un coltello nel tentativo di aprire un crostaceo. Un taglietto piccolo ma che il ragazzo ha deciso di medicare subito. E così il 33enne si è alzato dal suo posto per recarsi in cabina etrovare qualcosa con cui fermare il sangue.

Il tempo, però, scorreva e la fidanzata, preoccupata perché non lo vedeva tornare, lo ha raggiunto. Con orrore, però, Sonia trova il suo amato riverso a terra, privo di sensi, vicino alla rampa delle scale che conduceva alla zona cabine. Probabilmente, Matteo era caduto dai gradini ed aveva sbattuto la testa. Il colpo gli avrebbe causato danni devastanti.

In quel momento, la nave si trovava poco lontano dalla costa dell’Albania. Il ragazzo, così, è stato trasportato d’urgenza in un ospedale del Paese. Nonostante i soccorsi, il cuore di Matteo si è fermato dopo alcuni giorni di agonia. La famiglia dello sfortunato 33enne, in un gesto di estrema generosità, ha deciso di donare gli organi. Il Giornale.it

 

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com