Un ragazzo sordo tornerà a sentire grazie all’orecchio bionico

  • Le proposte di Reggini Auto

  • L’Unità operativa di otorinolaringoiatria dell’ospedale Infermi di Rimini, diretta dal dottor Enzo Calabrese, ha eseguito due impianti cocleari di cui uno su un ragazzino di 14 anni, affetto da sordità progressiva sin dai primi anni di vita. Sono cinque gli interventi di impianto cocleare, popolarmente detto ‘orecchio bionico’, eseguiti da quando tale attività ha preso avvio a Rimini, nel novembre 2007, e quello sul quattordicenne è il primo in un paziente in età pediatrica.
    L’intervento rientra nel programma attivato, al servizio di Audiologia dell’Ausl, di rieducazione audio-logopedica infantile. Fino ad ora questi interventi (non piu’ di 600 in tutt’Italia) venivano fatti, nella regione Emilia Romagna, solo a Parma, Piacenza, Modena e Ferrara. Anche Rimini dunque rientra nel ristretto novero di Aziende che in regione compiono tale attivita’. L’intervento sul minore ha avuto decorso positivo.
    Tra qualche settimana, tempo necessario per la stabilizzazione dell’impianto, questo sara’ attivato e il paziente ricomincera’ a sentire. Dal punto di vista estetico l’impianto cocleare non ha alcun impatto negativo: resta infatti collocato nella teca cranica dietro l’orecchio, e anche la cicatrice viene coperta dai capelli.