Un trasformatore a galazzano la causa del black-out di ieri sera.

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Dal tardo pomeriggio di ieri il centro storico di Città risplendeva grazie alle luminarie di Natale. Poche ore dopo, il buio era totale.
    Il black out è stato causato da un guasto improvviso ad un trasformatore di Galazzano, che ha interessato anche la linea di media tensione che serve i castelli di Città e Borgo maggiore, fino a far saltare anche la cabina di Fonte dell’Ovo. Numerose le zone rimaste quindi senza luce per almeno tre ore: da Murata a Casole, da Santa Mustiola fino a La Ciarulla.
    I centralini di Polizia civile e Gendarmeria sono stati tempestati di chiamate, i sammarinesi volevano sapere cosa fosse successo e perché la luce tardava a tornare.
    Il problema maggiore era che le case erano rimaste anche senza riscaldamento. Il telecontrollo dell’azienda dei servizi ha individuato il problema e le squadre dei tecnici reperibili sono partite un quarto d’ora dopo.
    Una volta focalizzato il trasmettitore saltato, la zona è stata isolata, è stata ridata corrente alla centrale e nel corso della notte il guasto è stato infine riparato. Partendo da Galazzano, il black out si è irradiato nella parte alta del monte, piccoli focolai si sono registrati un po’ ovunque. A poco a poco la luce è stata ripristinata, e gli ultimi collegamenti, alla Ciarulla, hanno ripreso a funzionare attorno alla mezzanotte.
    A quanto risulta alla Polizia civile, la cittadinanza non ha avuto particolari problemi, a parte dover ricorrere alle candele per avere un po’ di luce: all’ospedale invece, è subito entrato in funzione il generatore di corrente autonomo.
    Questa mattina il sistema informatico della pubblica amministrazione funzionava regolarmente e non ha subìto guasti o perdite dati.
    L’azienda dei servizi, per bocca del direttore Emanuele Valli, si scusa con gli utenti per il disagio, anche se l’attrezzatura, dice, non era nemmeno obsoleta ed era quindi un danno non prevedibile. fonte rtv