UNA FONDAZIONE PER L’ARTE….perchè no all’Ex Garage Masi sullo stile PALAZZO GRASSI

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Una Fondazione per l’arte per rilanciare San Marino

    Dalla sinergia del settore pubblico e di quello privato, comprese le risorse sociali, un ente autonomo potrebbe incentivare la riqualificazione dell’intero comparto dell’ospitalità, garantendo continuità progettuale, oltre la durata dei governi

    “Occorre creare un punto di riferimento strutturato per sviluppare eventi legati all’arte e dare a San Marino una fisionomia di rilievo in questo campo”. Il Segretario di Stato per il Turismo, Fabio Berardi, non ha dubbi: per rilanciare l’immagine di San Marino, per dare nuova linfa al turismo, insieme a tutti gli interventi già delineati e in parte collaudati nel 2009, occorre dare al paese una collocazione tagliata su misura, stabile e di alto profilo nel campo dell’arte. E propone la creazione di una Fondazione.

    L’idea è quella di coinvolgere alcune Segreterie di Stato, gli istituti culturali pubblici esistenti, come i Musei di Stato, l’Università, ma anche le Fondazioni degli Istituti di credito, le associazioni delle categorie economiche, le associazioni di artisti, per dare vita a un ente autonomo per la programmazione e gestione di eventi di vasto richiamo nel campo dell’arte. Una “Fondazione per l’arte” appunto, in grado di garantire la continuità dei percorsi avviati, oltre la durata dei governi o la volontà di un singolo Segretario di Stato. Che superi il carattere sporadico di molti progetti e che consenta di capitalizzare i risultati raggiunti. “Un istituto autonomo a partecipazione mista può essere la chiave di volta per incentivare la riqualificazione del comparto commerciale e di quello dell’ospitalità”, afferma il Segretario Berardi.

    Ovunque, la presenza di eventi di alto profilo, periodici, come le grandi mostre, attira un flusso di visitatori del tutto indipendente dal circuito abituale del turismo di massa. “Lo abbiamo visto nel caso della recente mostra di Andy Warhol a San Marino, ma lo notiamo anche in altre realtà, come nella vicina Rimini, dove l’appuntamento con la grande arte sta delineando un nuovo profilo della città, non più solo votata alla balneazione”.

    “Da tempo – prosegue il titolare del Turismo – sostengo che San Marino debba puntare in alto, in coerenza con la sua identità statuale di valore assoluto, riconosciuta anche dall’Unesco. Tra la miriade di eventi, senz’altro interessanti, che produciamo, pochi sono dotati di una valenza tale da lasciare il segno. Dobbiamo lavorare ancora per trasformare i punti deboli in punti di forza. Una delle prime azioni da intraprendere sarà l’individuazione di un ambiente nel centro storico di città, quale sede per esposizioni sia a carattere stabile che temporaneo. Una collocazione che darebbe nuova linfa alle attività commerciali e turistiche”.

    “Credo – conclude il Segretario Fabio Berardi – che nell’alveo di una Fondazione potrebbero svilupparsi al meglio le potenzialità esistenti nel territorio, attraverso un cambiamento di prospettiva di tutti i soggetti coinvolti”.

    comunicato stampa