Vini nel mondo, l'Italia batte la Francia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Nel 2009 la maggior parte delle bottiglie di vino acquistate e bevute nel mondo sarà made in Italy.
L’Italia batte la Francia. La produzione vinicola italiana conquista il primato sorpassando il concorrente tradizionale, la Francia. Lo afferma Coldiretti, che sottolinea come, dopo molti anni, la conclusione della vendemmia – con un raccolto complessivo di 45mila ettolitri di vino – abbia siglato un sorpasso davvero storico. In Francia infatti non è andata altrettanto bene e la vendemmia si è fermata a 44 milioni di ettolitri.
Nel 2008 l’esportazione italiana di vini nel mondo ha fatto il boom, superando i 3 miliardi e mezzo di euro, grazie alla forte domanda di Stati Uniti e Germania. E a Natale, l’esportazione dello spumante italiano è crescita del 30%. Negli Usa si bevono i vini rossi della Toscana come il Chianti e il Brunello di Montalcino ma anche i piemontesi Barolo, Barbaresco, Barbera e Grignolino. La Germania è invece meta delle spedizioni dei bianchi del Veneto, come il Prosecco. La destinazione principale dei rossi veneti come l’Amarone o il Valpolicella è il Canada.
Lo spumante italiano è in forte crescita in Gran Bretagna, dove le spedizioni sono più che raddoppiate in valore ed è diventata il primo mercato, superando addirittura la Germania. Tra i nuovi clienti del made in Italy – conclude la Coldiretti – si fanno luce la Spagna, che si classifica al quarto posto con il raddoppio il valore degli arrivi, la Russia e il Giappone.

Fonte: San Marino RTV

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com