Violentò donna in ascensore: gup Milano, brutalità e terrore

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – MILANO, 29 SET – Nessuna attenuante, anche perché
    non contano “le generiche dichiarazioni di scuse e di
    risarcimento” presentate con una lettera nel processo, e resta “la brutalità” di quella violenza con la vittima ridotta “ad un ‘automa’” incapace anche “solo di gridare, totalmente
    attanagliata dalla paura”. Lo scrive il gup di Milano Tiziana
    Gueli nelle motivazioni della sentenza in abbreviato con cui, il
    4 luglio, ha condannato a 7 anni e 8 mesi di reclusione il
    31enne libico Hamza Sara arrestato dai carabinieri il 12 gennaio
    per aver violentato e rapinato, la notte del 21 dicembre 2021,
    una donna di 44 anni nell’ascensore che collega il garage al
    condominio, nell’hinterland milanese, dove la donna vive, mentre
    rientrava a casa dopo aver parcheggiato l’auto.
        Stando alle indagini dell’aggiunto Letizia Mannella e del pm
    Rosaria Stagnaro, il 31enne, irregolare in Italia e con molti
    alias, ha aggredito la donna sorprendendola al secondo piano
    interrato del garage, dove la 44enne aveva appena parcheggiato
    la macchina dopo aver salutato un’amica. E’ emerso, scrive il
    gup, “chiaramente lo stato di totale paralisi della vittima, in
    balia del suo aggressore per lungo tempo a causa delle reiterate
    minacce di morte e della paura di essere uccisa”. Vittima che
    non aveva “speranza di fuga” e che ancora oggi, come spiega il
    giudice, ha “difficoltà a compiere gesti ordinari della vita
    quotidiana”. Decisive nelle indagini erano state le telecamere
    di sorveglianza e il ‘match’ del Dna.
        Il giudice ha anche disposto che il 31enne, “altamente
    pericoloso”, dovrà essere espulso dall’Italia a pena scontata.
        Alla vittima, rappresentata come parte civile dal legale Andrea
    Prudenzano, è stata riconosciuta una provvisionale di
    risarcimento di 20mila euro. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte