“Voleva stuprarmi”. Minorenne ammazza il marocchino a coltellate

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’uomo, un 63enne marocchino, trovato esanime in un appartamento di Castelnuovo Scalo, in provincia di Siena. La ragazza avrebbe confessato, dicendo che l’uomo aveva tentato di stuprarla.

Comincia a dipanarsi il mistero del marocchino trovato morto in un appartamento a Castelnuovo Scalo, in provincia di Siena.

L’uomo 63enne è stato accoltellato diverse volte alla schiena esanime in uno degli appartamenti dati in dotazione agli operai della fornace dove aveva lavorato per anni e dove continuava a vivere nonostante non fosse più un dipendente.

L’allarme è scattato ieri sera e sul posto si sono precipipati i sanitari del 118 e i carabinieri. Per l’uomo, trovato nudo e con ferite da coltello sia sul volto che sul busto, non c’è stato nulla da fare. La vittima, come riferisce l’Agi, continuava a fare il guardiano nella fabbrica di laterizi, era conosciuto in città e tutto lo chiamavano Abramo. Viveva nell’appartamento insieme ad altri extracomunitari. L’azienda proprietaria dello stabile adibito a alloggio di servizio per gli operai in questo periodo è in fase di ristrutturazione, ma all’interno vi lavorano una ventina di operai.

Secondo quanto emerge dalle prime indagini condotte dal Nucleo Investigativo e dalla Compagnia dei Carabinieri di Siena, la responsabile dell’omicidio sarebbe una ragazza di 16 anni che abita nello stesso stabile della vittima. La ragazza avrebbe confessato il delitto dopo le domande dei carabinieri che avevano constatato alcune contraddizioni nela sua ricostruzione. La giovane, però, sostiene di essere stata aggredita dall’uomo che avrebbe tentato di stuprarla. Per questo è stata accompagnata presso una casa di prima accoglienza e la procura di Firenze ha emesso un fermo nei suoi confronti, che ora risulta indagata per “omicidio“. ”

Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com