Rimini. Hotel e colonie, i cinesi fanno spesa a Rimini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • hotel riminiHOTEL a quattro stelle. Ville di lusso e terreni edificabili. E perfino l’ex colonia Bolognese, che da anni aspetta il ‘cavaliere bianco’ per essere riqualificata e trasformata in albergo di lusso. Il cavaliere bianco ancora non si è visto, ma presto potrebbe arrivare quello giallo. E non si tratta di un solo imprenditore, ma di un fondo di investimento cinese, l’EIF Essential international di Hong Kong e Singapore. Alcuni rappresentanti della società ieri erano a Rimini per vedere di persona alcuni immobili e terreni privati sui quali hanno messo gli occhi da tempo. Subito dopo sono stati ricevuti da Riziero Santi, sindaco di Gemmano e vice presidente della Provincia, insieme all’ex assessore provinciale Vincenzo Mirra, che è stato uno degli artefici dell’approdo in Riviera della società internazionale.
    «Con loro – conferma Mirra – stiamo discutendo di una serie di operazioni sulle quali il gruppo cinese ha messo gli occhi da tempo. Stiamo parlando dell’ex Bolognese, di due importanti hotel a quattro stelle a Marina centro in prima linea, di alcune ville di pregio e anche di un’importante area edificabile a Rimini. Sono pronti a spendere milioni e miloni di euro sul nostro territorio». Non è la prima volta che una delegazione dell’EIF viene a Rimini, ma questa volta il fondo è sceso nei dettagli perché, assicura Mirra, «fortemente interessato alle operazioni. Tant’è che la settimana prossima, il 14, due architetti del fondo saranno a Rimini per alcuni sopralluoghi tecnici».
    Il fondo vanta 146 sedi in Asia, il ‘cuore’ dell’attività è a Singapore e Hong Kong, ma la società sta investendo anche in Europa. Mirra e altri, dopo averli agganciati, li hanno convinti mesi fa a visitare Rimini e adesso l’EIF sta serivamente valutando alcune operazioni in Riviera. Con loro si è parlato anche di aeroporto, e della possibilità di sperimentare alcuni voli dall’Asia con scalo a Dubai.

    Resto del Carlino