San Marino. I calciatori incontrano la federazione, si gioca e lo sciopero sarà revocato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

nazionale_san_marino_gettyDribling, colpi di testa e la speranza di mettere l’avversario’ in fuorigioco. E alla fine arriva l’accordo con lo sciopero revocato e il ritorno in campo. La partita tra Federcalcio e Associazione calciatori è più tosta del previsto, ma un punto di incontro alla fine è stato raggiunto. «La Fsgc e l’Asc, all’indomani delle note vicende legate anche ad incomprensioni relative a fatti economici si legge nel comunicato della Federcalcio che arriva in serata nello spirito di ricercare sempre e comunque le soluzioni migliori per lo sviluppo del calcio, hanno convenuto di dare vita ad incontri congiunti a partire dal 13 aprile». Questo il comunicato che arriva, però, solo al termine di un’altra giornata intensa dal punto di vista calcistico. Alla segreteria di Stato allo Sport all’ora di pranzo è andata in scena la seconda puntata di mediazione. Il ministro Teodoro Lonfernini, dopo aver il giorno precedente incontrato i vertici della Fsgc, ha ascoltato la versione del sindacato’ dei giocatori. «E’ stato un colloquio positivo spiega il presidente dell’Associazione calciatori e capitano della Nazionale, Andy Selva Abbiamo esposto al segretario di Stato i nostri progetti e lui ci ha detto che verranno anche presi in considerazione per la prossima riforma dello sport. Questo significa che qualcosa di buono da dire lo abbiamo». E lo sciopero? «Se la Federazione sarà disponibile a incontrarci prima della partita della Nazionale dice Selva allora lo sciopero sarà revocato». La disponibilità a sedersi a tavolino Crescentini e soci l’avevano già data il giorno precedente. «Siamo aperti al dialogo come lo siamo sempre stati dice il presidente della Federcalcio, Giorgio Crescentini e dopo la partita della Nazionale in Slovenia potremo incontrarci con l’Associazione calciatori». E’ quel dopo la gara con la Slovenia che non piace all’associazione calciatori che reclama un incontro immediato. Questione di tempi. Passano le ore e in serata la forbice tra domanda e offerta si è ristretta. «Li possiamo incontrare anche in queste ore dice Crescentini Ma una trattativa vera e propria verrà poi intavolata nelle prossime settimane». Il faccia a faccia tanto atteso arriva poco prima dell’ora di cena. Alla Casa del calcio di Montecchio il presidente Crescentini e i suoi ricevono i vertici dell’associazione calciatori. Un primo faccia a faccia e l’accordo di rivedersi in più occasione dal mese di aprile. E in serata la Nazionale è così tornata regolarmente ad allenarsi agli ordini del ct Manzaroli.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com