SMEMORATI, FATE SPESA E COMPRATE I 7 ALIMENTI PER LA SUPER-MEMORIA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • come_funziona_cervelloC’era una volta il fosforo, l’elemento che, si diceva, aiutava la memoria. La dottoressa Elisabetta Menna, ricercatrice di Humanitas e dell’Istituto di Neuroscienze del Cnr, ci spiega oggi che memoria e concentrazione possono essere aiutati da tanti altri alimenti. In particolar modo, nel frigorifero degli smemorati non devono mai mancare sette alimenti: “Uova, germe di grano, arachidi, merluzzo, semi di girasole, caffè e cioccolato fondente – elenca Menna in una rubrica nella newsletter settimanale dell’Irccs milanese – sono alcuni dei cibi più amici del cervello e della memoria” perché “ricchi di colina, un coenzima essenziale ovvero una molecola importante per mantenere integra la struttura cellulare e le funzionalità del sistema nervoso”. E ancora perché prodighi di “vitamina B”. Sono alimenti che “aiutano la memoria a lungo termine. Questi cibi, quando consumati regolarmente, aiutano a migliorare, insieme alla memoria a lungo termine, anche la funzionalità del sistema nervoso, la capacità di attenzione e partecipazione”.

    Ecco, nel dettaglio, i cibi amici del nostro cervello.

    Cioccolato fondente – Contiene flavonoidi che rappresentano un valido aiuto per far fronte alla perdita di memoria.

    Caffè – Migliora l’acutezza mentale grazie alla caffeina che, oltre a essere una fonte di antiossidanti che aiutano a mantenere il cervello in salute, aiuta anche a prevenire la depressione nelle donne.

    Broccoli – Contengono vitamina C e acido folico, due nutrienti che influiscono positivamente sulla memoria, la concentrazione e l’attenzione.

    Uova – Il tuorlo è una grande fonte di colina (circa 820 milligrammi), il coenzima “amico” del sistema nervoso. L’assunzione adeguata di questo micronutriente è stata calcolata dalla National Academy of Sciences americana in 550 milligrammi giornalieri.

    Merluzzo – Come tutti i pesci, è ricco di iodio, acidi grassi omega 3 e soprattutto di fosforo (appunto), elementi fondamentali per la salute del cervello. L’alta concentrazione di vitamina E favorisce inoltre il funzionamento ormonale e il ricambio delle cellule cerebrali.

    Germe di grano – E’ naturalmente ricco di vitamina B6 e di folati, molto importanti per il cervello, oltre che di tiamina, una sostanza in grado di migliorare le prestazioni cognitive.

    Arachidi – Assieme alle noci, sono tra i cibi più salutari per il cervello perché contengono acidi grassi omega3 e omega6, vitamina E e B6 che sono molto efficaci nel mantenimento della funzionalità del sistema nervoso.

    Intelligonews.it