570 migranti in 2 settimane: le forze dell’ordine sono in tilt

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

A Lampedusa, l’ondata di sbarchi triplica lo sforzo degli agenti. Il Sap lancia l’allarme: “Sistema di sicurezza in tilt”

Gli sbarchi delle ultime settimane mettono a dura prova anche il personale di sicurezza impiegato a Lampedusa.

Continue ondate di sbarchi e di approdi di barchini e gommoni, costringono le forze dell’ordine a lavorare con turni massacranti ed in condizioni sempre al limite.

La denuncia nelle scorse ore arriva dal sindacato generale di Polizia (Sap), Stefano Paoloni: “Nelle prime settimane di questo mese, 570 persone sono sbarcate a Lampedusa e il sistema sicurezza è già in tilt. Il personale non è sufficiente per gestire la situazione”.

Del resto il solo centro d’accoglienza di Lampedusa ad esempio, nei giorni scorsi rischia di collassare dopo essere passato, nel breve volgere di due ore, dall’ospitare due migranti all’ospitarne 224. Si avviano i primi trasferimenti, anche sotto la spinta delle parole di protesta del sindaco di Lampedusa, Totò Martello, ma l’hotspot riempitosi così improvvisamente crea non pochi problemi.

Ma quello del locale centro d’accoglienza è solo un esempio: “Attualmente sull’isola abbiamo 4 squadre da 10 uomini, tra polizia, carabinieri e Guardia di finanza, impiegate in turni in quarta – spiega all’Agi Stefano Paoloni, parlando delle difficoltà incontrate dalle forze dell’ordine – In realtà, le squadre dovrebbero essere cinque. Spesso una delle squadre è impiegata per gli accompagnamenti, lasciando inevitabilmente scoperto uno dei quadranti nel turno di 24 ore. Questo costringe le restanti tre squadre ad effettuare doppi turni, talvolta anche in maniera consecutiva, iniziando il turno regolare alle 19.00 per poi giungere, tra viaggio e altro, a casa esausti, alle 21 del giorno seguente”.

Una condizione di stress evidente dall’inizio di settembre, da quando cioè l’isola diviene nuovamente meta di decine di barchini. Per la verità, a Lampedusa il personale delle forze dell’ordine impiegato nell’emergenza immigrazione non è mai andato via, nemmeno nei momenti di maggiore quiete. Questo perché sull’isola più grande delle Pelagie in realtà i migranti continuano sempre ad arrivare, anche in maniera autonoma, ma i numeri di questi giorni superano di gran lunga il trend degli ultimi 12 mesi.

Da qui, l’aumento dei turni di chi opera tra le forze dell’ordine e lo stress degli operatori di Polizia e non solo. Di fatto, con lo stesso personale con il quale si affrontano gli sbarchi quando i numeri dei migranti approdati appaiono in discesa, si sta affrontando l’improvvisa emergenza ed il repentino aumento di approdi.

“È inammissibile lavorare in queste condizioni – ammette Paoloni – con poco personale, due squadre in meno e con turni massacranti”. Quelle delle forze dell’ordine è un allarme che coinvolge l’intero sistema dell’isola: Lampedusa, da sempre isola di frontiera, si ritrova di punto in bianco ad essere ancora una volta al centro di continue ondate di sbarchi.

Il sindaco, per giunta di centro – sinistra, nei giorni scorsi tuona contro la decisione da parte del governo di portare a Lampedusa la Ocean Viking, la nave dell’Ong francese Sos Mediterranée con 82 migranti a bordo: “Accoglienti sì, cretini no”, tuona il primo cittadino. Adesso a lamentarsi sono i rappresentanti sindacali delle forze dell’ordine.

Evidentemente, al di là di ogni considerazione politica, a livello oggettivo a Lampedusa c’è veramente qualcosa che adesso non va. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com