Atletica: Tortu “1 e 2 maggio torno in gara, non vedo l’ora”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 31 MAR – “Oggi torno ad Atletica TV, martedì 6
    aprile torno in raduno con la Nazionale e l’1 e 2 maggio torno a
    gareggiare. Non sto più nella pelle, i miei compagni mi sono
    mancati… tutto l’ambiente dell’atletica mi è mancato”. Filippo
    Tortu – ospite del talk settimanale di Atletica TV – è pronto a
    decollare per questo 2021 olimpico. Una stagione che
    agonisticamente inizierà l’1 e 2 maggio a Chorzow, in Polonia,
    ai Campionati mondiali di staffette. “L’obiettivo sarà portare a
    casa la qualificazione diretta per Tokyo (che va ai primi 8
    quartetti, ndr) – dice – ma non dimentichiamoci che quello sarà
    solo il primo passo. Nel 2021 vogliamo prenderci un altro record
    italiano e scendere sotto i 38 secondi. Già a Doha potevamo
    giocarci una medaglia, ripartiamo da lì”.
        Tortu racconta della sua vita milanese e degli allenamenti
    all’Arena Civica: “Allenarsi qui è bellissimo: il colpo d’occhio
    è incredibile e si respira la storia dell’atletica. Spero che
    torni presto ad ospitare un grande meeting. Intanto sono
    migliorato molto nei balzi, e credo sia perché mi esercito sulla
    pedana del 17,60 di Fabrizio Donato”.
        Nel frattempo i compagni di squadra sono cresciuti, a
    cominciare da Marcell Jacobs. “Vista da dentro, dal punto di
    vista mio e di Marcell, la nostra è una rivalità sana e
    sportiva, che ci fa bene, ci aiuta a migliorare – le parole di
    Tortu – Ma in ottica staffetta è un grande passo avanti,
    significa avere maggiore sicurezza e consapevolezza. All’ultima
    uscita insieme abbiamo fatto il record italiano e ripartiamo da
    lì, sapendo di poter fare qualcosa di importante”. Agli
    Euroindoor ti ha impressionato? “Diciamo che non mi ha sorpreso,
    sapevo che valeva quel tempo – dice – Abbiamo anche scommesso, e
    ho vinto io. Per come sono fatto non credo che tra noi cambierà
    qualcosa, sono un atleta che non guarda molto i risultati degli
    altri. Durante la gara sono molto concentrato sulla mia
    prestazione. Di certo questa situazione mi offre nuovi stimoli –
    conclude – correre con avversari forti mi esalta e mi diverte”.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte