Beni e conti sequestrati per 11 milioni di euro. Coinvolto il Presidente del San Marino calcio Luca Mancini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • luca manciniSequestrati beni e conti correnti per 11 milioni al Cesena Calcio, all’ex presidente Igor Campedelli e ad altre cinque persone coinvolte nell’inchiesta della procura di Forlì sul club cesenate. Tra questi c’è anche l’attuale presidente del San Marino calcio Luca Mancini. I sequestri di ieri mattina della Guardia di Finanza sono il colpo di coda nei confronti di sei indagati dell’operazione ‘Ippocampo’. L’attività investigativa, durata quasi due anni e conclusasi nel novembre dello scorso anno, aveva consentito di individuare il sodalizio tra il presidente pro tempore del Cesena, Campedelli, quattro imprenditori e due commercialisti cesenati i quali, a vario titolo, abusando delle proprie specifiche posizioni ‘di fiducia’, nonchè dei piu’ alti incarichi dirigenziali all’interno del club, avrebbero attuato una serie di raggiri contabili ed amministrativi attraverso la predisposizione e l’utilizzo di documenti falsi finalizzati a procurarsi indebiti risparmi d’imposta ed alla creazione di ‘fondi neri’ a discapito delle casse della società. Le accuse sono, a vario titolo, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, omesso versamento Iva, simulazione di reato, appropriazione indebita, riciclaggio e falso in bilancio.
    COSÌ il procuratore di Forlì, Sergio Sottani, aveva avanzato la proposta di sequestro preventivo finalizzata alla confisca per equivalente del prezzo o profitto dei reati ascritti a ciascun imputato, al fine di scongiurare che si spogliassero delle loro proprietà mobiliari e immobiliari. Il gip del tribunale di Forlì, Luisa Del Bianco ha accolto la richiesta. Dunque nei confronti delle società Ac Cesena, Villa Turi e Double T e di sei dei sette imputati (oltre a Campedelli, Potito Trovato, Coclite Mastrorazio, Luca Leoni, Luca Mancini, appunto e Maurizio Marin), ieri sono scattati i sigilli sui rapporti bancari detenuti in 44 istituti di credito italiani, tra cui 65 conti correnti, 34 depositi titoli e sei cassette di sicurezza, su un’autovettura, 19 fabbricati e 14 terreni (situati a Cesena, Cervia, Rimini e Milano) e 29 quote societarie per 144.166 euro (relative a 27 società aventi sede a Cesena, Gatteo, Riccione, Poggio Torriana, Lugo, Pescara, Roma e Milano), il tutto per un valore complessivo pari a 10.915.344 euro.
    «A Cesena – aveva già dichiarato negli ultimi mesi dello scorso anno il presidente dei biancazzurri Mancini – ho fatto sempre le cose nella maniera corretta rispettando i contratti che avevo con la società. Il mio rapporto con il Cesena calcio era di tipo lavorativo e io mi sono fatto pagare». Il Resto del Carlino