Brasile, assistenti Tite in Europa per Bremer e Ibanez

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – RIO DE JANEIRO, 10 AGO – Matheus Bachi e Fabio
    Mahseredijian, assistenti del ct della nazionale brasiliana
    Tite, partiranno sabato 20 per l’Europa con il compito specifico
    di osservare allenamenti e partite di alcuni calciatori che la
    commissione tecnica della Seleçao tiene d’occhio in vista delle
    prossime convocazioni. Prima dei Mondiali in Qatar la Fifa ha
    messo a disposizione delle nazionali una ‘finestra’ a settembre,
    durante la quale il Brasile giocherà due amichevoli in Europa,
    in sedi ancora da stabilire, contro Tunisia e un’altra nazionale
    africana.
        Il principale incarico degli assistenti del ct sarà quello di
    osservare alcuni difensori centrali che sono in corsa per un
    posto fra i 23 che saranno chiamati per i Mondiali. Tre posti
    sono già assegnati al capitano Marquinhos, a Thiago Silva e a
    Eder Militao, ma è ancora libero un quarto posto, e se lo
    giocheranno, almeno così sembra, tre calciatori che giocano in
    Europa, visto che sono tramontate le chances di convocazione di
    Rodrigo Caio del Flamengo e Leo Ortiz del Bragantino. Così ora,
    tenendo conto che una residua chance l’ha anche Felipe
    dell’Atletico Madrid, la corsa sarebbe ristretta a Lucas
    Verissimo del Benfica, che la maglia della ‘amarelinha’ l’ha già
    vestita ma è reduce da problemi fisici, e da due che sarebbero
    degli esordienti ma che Tite tiene d’occhio da tempo: il
    romanista Ibanez e il neo-juventino Bremer.
        Così, dopo una tappa a Lisbona, è certa la presenza dei due
    membri della commissione tecnica della Seleçao (Matheus Bachi è
    anche il figlio di Tite) allo Juventus Stadium per la sfida del
    27 agosto tra i bianconeri e la Roma, occasione giusta per
    vedere all’opera sia Bremer che Ibanez. Quest’ultimo, non avendo
    ancora esordito con il Brasile, era entrato nei radar anche del
    ct azzurro Roberto Mancini ma sembra che abbia declinato
    l’invito preferendo giocarsi la chance del Mondiale in maglia
    oroverde. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte