Casali: Difenderemo con le unghie la nostra statualità

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Breve riunione stamane del Congresso di Stato, che riprenderà anche nel Pomeriggio.

    E’ Il Segretario Casali che fa gli onori di casa, in conferenza stampa, e riferisce che stamane si è fatta perlopiù una riflessione di natura politica.

    Il tema centrale è sicuramente quello del rapporto con l’Italia e soprattutto quello della firma che tarda ad arrivare.

    Abbiamo ripercorso le tappe, da un anno a questa parte, cioè da quando abbiamo preso, come Patto, la responsabilità del Governo dello Stato di San Marino.

    Il Governo è stato – queste le parole di Casali – prolifico nel legiferare e soprattutto nel sistemare le questioni più urgenti Moneyval e Ocse, e tante altre lasciate in sospeso dagli altri esecutivi precedenti.

    Il Governo ha la coscienza apposto, per quello che s’è fatto e poter chiudere questa partita con l’Italia è molto importante – dice Casali – anche perché gli accordi sono stati parafati almeno da due mesi, quindi non vediamo il motivo, se non quello di aspettare l’esito dello Scudo Fiscale, di ritardare così tanto.

    Non capiamo il motivo, e pensiamo che non sia giusto che se l’Italia ha dei problemi, San Marino non debba c’entrare.

    Voglio fare una riflessione – dice Casali – sulla conferenza stampa di Tremonti, allora non avevamo le carte in regola (OCSE e Moneyval), Ora si e non ci sembrano opportune le ultime conferenza stampa (Lucignano ndr) che sappiamo sollecitata da alcuni nostri media.

    In quella conferenza stampa non si è detto quello che è la verità. Pretestuoso – queste le parole di Casali – è l’argomento con il quale si è voluto attaccare la Rep. Di San Marino, in quanto a fronte di una mancata concessione da parte del ns. tribunale ve ne sono state decine se non centinaia nel corso dell’anno.

    Occorrerà trarre degli insegnamenti – dice Casali – se non basta essere in regola…

    Il Segretario fa capire, quindi, che occorrerà modificare la politica estera di San Marino.

    Non capiamo – continua Casali – questo atteggiamento da parte italiana. Pare abbastanza incredibile ed ingiustificabile..stiamo toccando dei livelli molto bassi nel rapporto italia-San Marino…

    Il nostro problema è il rapporto con i cittadini, che chiedono al governo che i problemi vengano risolti. Poco importa come….ma vogliono risolvere i problemi.

    Dobbiamo difendere con le unghie e con i denti la statualità di San Marino, questa la conclusione del Ministro alla Giustizia Augusto CASALI.

    Per il Giornale.sm Marco Severini